Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sinodo Amazzonia: ecco le decisioni su preti sposati, diaconesse e rito amazzonico

AMAZONIA
Vatican Media
Condividi

Passa la proposta di demandare ad un’ “autorità competente” i criteri per l’ordinazione di diaconi con famiglia. Ma quasi un terzo vota contro. Richiesti più studi su un rito indigeno e donne diacono. Recepite quasi all’unanimità le “aperture” suggerite dal Papa su diaconato permanente e più protagonismo dei laici (anche al femminile)

Cinque capitoli, più un’introduzione ed una breve conclusione: così si articola il Documento finale dell’Assemblea Speciale per la Regione Panamazzonica, diffuso nella serata del 26 ottobre, per volere espresso del Papa. Tra i temi in esame, missione, inculturazione, ecologia integrale, difesa dei popoli indigeni, rito amazzonico, ruolo della donna e nuovi ministeri, soprattutto in zone in cui è difficile l’accesso all’Eucaristia (Vatican News, 26 ottobre).

Tutti i 119 paragrafi del Documento hanno incassato la maggioranza qualificata dei 2/3 dei presenti. Ma, in particolare, sui tre temi “caldi”, che sono stati oggetto di discussione e divisione tra i Padri Sinodali durante il dibattito nelle Congregazioni Generali e nei Circoli Minori – apertura a rito amazzonico, diaconato femminile, e sacerdoti sposati – il Sinodo ha riportato le stesse tendenze nelle votazioni del documento finale: una larga maggioranza a favore delle tre aperture, ma anche una consistente fronda di Padri contrari (nel caso dei sacerdoti sposati, quasi 1/3 dei votanti).

Mentre l’assemblea ha ritrovato la sua compattezza su due argomenti sollecitati dal Papa: potenziare il diaconato permanente, e dare più spazio e responsabilità ai laici.

Antoine Mekary | ALETEIA
La discussione nell'aula del Sinodo

Ma vediamo più precisamente cosa è scritto nel Documento finale, che ora dovrà essere analizzato e valutato dal pontefice. Sarà lui a prendere eventuali decisioni sui temi affrontati dall’assemblea straordinaria per la Regione Panamazzonica.

1) Celibato è disciplina “non richiesta dalla natura stessa del sacerdozio”

Il Sinodo ha aperto uno spiraglio ai preti sposati. La parola ‘viri probati’ non compare mai nel documento finale, ma al paragrafo 111 – che ha incassato 128 voti con 41 contrari (è stato il paragrafo che ha raccolto il maggior numero di ‘non placet’) ottenendo la maggioranza qualificata dei 2/3, i Padri sinodali hanno scritto:

«Molte delle comunità ecclesiali del territorio amazzonico – si legge al paragrafo 111  – hanno enormi difficoltà di accesso all’Eucaristia. A volte non passano solo mesi, ma anche diversi anni prima che un sacerdote possa tornare in una comunità per celebrare l’Eucaristia, offrire il sacramento della riconciliazione o ungere i malati nella comunità. Apprezziamo il celibato come un dono di Dio nella misura in cui questo dono consente al discepolo missionario, ordinato al presbiterato, di dedicarsi pienamente al servizio del Santo Popolo di Dio. Stimola la carità pastorale e preghiamo che ci siano molte vocazioni che vivono il sacerdozio celibe. Sappiamo che questa disciplina “non è richiesta dalla natura stessa del sacerdozio … sebbene abbia molte ragioni per praticarla”. Nella sua enciclica sul celibato sacerdotale, San Paolo VI sostenne questa legge e presentò motivazioni teologiche, spirituali e pastorali che la sostengono. Nel 1992, l’esortazione post-sinodale di San Giovanni Paolo II sulla formazione sacerdotale ha confermato questa tradizione nella Chiesa latina».

Sacerdoti sposati che siano diaconi permanenti con famiglia

Pertanto, i Padri Sinodali propongono «di stabilire criteri e disposizioni da parte dell’autorità competente, nell’ambito di Lumen Gentium 26, di ordinare sacerdoti uomini adatti e riconosciuti della comunità, che abbiano un proficuo diaconato permanente e ricevano una formazione adeguata per il presbiterato, potendo avere una famiglia legalmente costituita e stabile da sostenere la vita della comunità cristiana attraverso la predicazione della Parola e la celebrazione dei Sacramenti nelle aree più remote della regione amazzonica» (Adn Kronos, 26 ottobre).

Leggi anche: Consacrazione di uomini sposati: il Sinodo alla ricerca di una posizione comune

2) Ministeri lettorato e accolitato anche per le donne

Sul ruolo delle donne nella Chiesa, i Padri Sinodali hanno dato un’ampia apertura su due aspetti. Al paragrafo 102 scrivono:

«Nei nuovi contesti di evangelizzazione e di pastorale in Amazzonia, dove la maggior parte delle comunità cattoliche sono guidate da donne, chiediamo che venga creato il ministero istituito di ‘donna dirigente di comunità’, dando a esso un riconoscimento, nel servizio delle mutevoli esigenze di evangelizzazione e di attenzione alle comunità».

I Padri sinodali chiedono la «revisione del motu proprio Ministeria quaedam di San Paolo VI, affinchè anche donne adeguatamente formate e preparate possano ricevere i ministeri del lettorato e dell’accolitato, tra gli altri che possono essere svolti». Il paragrafo ha ottenuto 160 ‘placet’ e 11 ‘non placet’.

Confronto con la Commissione sul diaconato femminile

Al paragrafo 103 (137 sì – 30 no) – non si parla della creazione di un ministero per istituzionalizzare il ruolo delle donne in Amazzonia come era stato sollecitato su più fronti, ma di approfondire la questione del diaconato femminile:

«Nelle numerose consultazioni che si sono svolte in Amazzonia è stato riconosciuto e sottolineato il ruolo fondamentale delle religiose e delle laiche nella Chiesa amazzonica e nelle sue comunità, visti i molteplici servizi che offrono. In molte di queste consultazioni è stato sollecitato il diaconato permanente per le donne. Per questo motivo il tema è stato anche molto presente durante il Sinodo».

«Già nel 2016 – si legge ancora nel paragrafo dedicato alle donne – papa Francesco aveva creato una commissione di studio sul diaconato delle donne che, come Commissione, è arrivata ad un risultato parziale su come era la realtà del diaconato delle donne nei primi secoli della Chiesa e sulle implicazioni attuali».

Da qui la proposta dei Padri sinodali: «Vorremmo condividere le nostre esperienze e riflessioni con la Commissione a attenderne i risultati».

Leggi anche: “Suore che confessano” e Sinodo: come evitare fraintendimenti

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.