Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Quando dire “Scusa” non basta

LONELY
Shutterstock | Joaquin Corbalan P
Condividi

A volte non sono sufficienti le buone intenzioni quando ho sbagliato, ho ferito, ho spezzato la fiducia ricevuta

A volte non basta dire “Mi dispiace, ho sbagliato, non era mia intenzione”.

È vero che chiedere scusa è sempre importante e aiuta. È il primo passo per abbracciare di nuovo e ricominciare da zero. È la prima pietra su cui ricostruire la fiducia perduta.

Ma non sempre basta.

A volte bisogna fare qualcosa di più. Bisogna tornare sui propri passi. Si devono dare segnali di profondo pentimento. Bisogna proporsi cambiamenti profondi.

Bisogna mostrare che si compiono piccoli passi. Bisogna sforzarsi di pulire il fondo dell’anima, per sembrare altri.

WOMAN,SAD
Ezra Jeffrey | CC0

A volte, per non risultare falso, devo cambiare il mio tono di voce, intraprendere qualche azione che allevi il dolore provocato, sorridere da dentro aspettando un sorriso.

Forse non bastano le buone intenzioni quando ho sbagliato, ho ferito, ho spezzato la fiducia ricevuta.

È necessario che questa volta si faccia sul serio.

hands.jpg
https://pixabay.com/photos/hands-macro-plant-soil-grow-life-1838658/

Ferire con parole o azioni è frutto della mia fragilità. Voglio essere perfetto e commetto imperfezioni. Ferisco perché a volte sono stato ferito. O semplicemente perché non so fare di meglio, e deludo chi ha creduto in me.

Non è tanto semplice essere fedeli nelle cose piccole e in quelle grandi.

È vero che la fedeltà si gioca nei dettagli, nelle parole, nei gesti. Posso dimenticare l’amore con gesti o trascuratezze.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni