Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconFor Her
line break icon

Sister Gerard Fernandez, 35 anni a pregare coi condannati a morte a Singapore

SISTER, GERARD, FERNANDEZ

The Star Tv | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 23/10/19

Riconosciuta dalla BBC tra le 100 donne fonte d'ispirazione del 2019, questa suora cattolica ha visto un barlume di speranza nei cuori macchiati dei crimini più atroci.

Sono gli ultimi mesi di questo 2019 e qualcuno comincia a fare bilanci e scattare foto ricordo. La BBC, ad esempio, ha stilato un elenco di 100 donne ritenute fonte d’ispirazione in mille variegatissimi contesti. Ispirazione è una parola bellissima, parla di un vento che soffia e che ci sposta dallo status quo, ci spinge fuori dal recinto della quiete inerte. Ci sono brezze passeggere, tifoni che spazzano continenti, e c’è pure il vento impetuoso dello Spirito.


OLRA TRACEY, MELANIA TRUMP

Leggi anche:
Donne coraggiose: Melania Trump premia Suor Orla Tracey, missionaria in Sud Sudan

Chi ti ispira di più?

La platea umana selezionata dalla BBC ci offre un ritratto femminile composito, da cui – diciamocelo – manca la donna comune. E pure lei può davvero essere una vera ispirazione. C’è la ormai onnipresente Greta Thunberg, c’è Alexandria Ocasio-Cortez (la più giovane donna presente nel Congresso americano … artefice di una pensata ecologica per nulla francamente ispirante: per limitare l’emissione di CO2 fare meno figli), ci sono atlete con il velo e paralimpiche, attiviste dei diritti umani, CEO, sopravvissute alla tratta del sesso, due transessuali, varie artiste, poetesse. E molto altro. Se un appunto si può fare a questa lista è che ispirare rischia di essere sinonimo di spiccare (non è una cosa brutta in sé, ma è incompleta); si potrebbe osare ancora di più, proponendo come fonte di entusiasmo positivo il ritratto di donne che cambiano il mondo stando al loro posto. La donna invisibile è una super eroina non solo nei fumetti.

Ma tra le 100 donne della BBC ce n’è effettivamente una che è stata completamente nascosta e in silenzio per 35 anni, pena il naufragio della sua missione. Si tratta di una suora cattolica di Singapore, Sister Gerard Fernandez. Mettendo progressivamente a fuoco la propria vocazione è arrivata a trascorrere una buona fetta della sua vita nel braccio della morte, cioè ad accompagnare i detenuti all’esecuzione capitale possibilmente predisponendo i loro cuori al perdono e preparandoli a incontrare Dio.


SISTER ANNE LECU

Leggi anche:
Suor Anne Lécu: è nella lacrime delle donne carcerate che ha capito cos’è la Salvezza

Come accadrebbe di fronte a una vera folla umana, ci sono personaggi mediatici e anime coraggiose tra le figure proposte dalla BBC. La storia di questa suora ci porta nei meandri più sordidi dell’umano dove, davvero, solo il vento della Misericordia riesce a giungere.

Una pecora davvero nera

Oggi Sister Gerard ha 81 anni e ha terminato la sua missione in carcere nel 2017, motivo per cui la sua storia può essere raccontata. Per tutti gli anni in cui la sua presenza è stata al fianco dei condannati a morte, anche lei “è morta” al mondo cioè ha custodito il suo compito nel segreto e nel silenzio.

Probabilmente ha senso raccontare questa storia dall’episodio più scioccante. Nel 1981 Singapore fu scossa da un tremendo fatto di cronaca, l’uccisione di due bambini per compiere un rituale magico di cui fu responsabile un presunto medium, Adrian Lim, con la collaborazione della moglie Catherine Tan e di un’altra donna. Tutti e tre furono condannati a morte, Sister Gerard rimase traumatizzata perché conosceva sia una delle due vittime, di soli 9 anni, sia il padre di una delle assassine, la Tan.

Scrisse proprio a quest’ultima che le rispose dal carcere dopo sei mesi firmandosi Catherine, la pecora nera. E la suora andò a visitarla in prigione, dove si trovò di fronte una voce che le disse:

Lei non mi ha condannata, la prego mi aiuti a cambiare. (da The Straits Times)


GIUDITTA, BOSCAGLI

Leggi anche:
Giuditta: sposando lui, che era in carcere, Dio mi chiamava alla vera libertà dell’amore

La parabola del pastore che lascia le 99 pecorelle per seguire l’unica persa è molto suggestiva, la si potrebbe quasi giudicare romantica. Cosa significhi accogliere la richiesta di aiuto di un’assassina che ha ucciso due bambini ci catapulta in un dirupo che non tutti i pastori, per quanto buoni, sarebbero disposti a scendere pur di salvare un membro del gregge.

SISTER, GERARD, FERNANDEZ
The Star Tv | Youtube

Con una voce serena che scandisce le parole con pazienza, Sister Gerard spiega a un giornalista: “Nel loro cuore c’è ancora speranza, questo mi ha cambiata”. Un candore stupefacente, un’umiltà radicale. Il punto di partenza non è la volontà di cambiare chi è “cattivo” ma l’essere cambiati da un barlume di luce intravisto in occhi che nessuno vorrebbe incrociare.


KOBIETA, WIĘZIENIE

Leggi anche:
Non c’è bisogno di rubarlo: ti viene incontro sul volto degli amici, il Bene

Rimase sette anni a pregare accanto a Catherine Tan, fino al giorno in cui fu impiccata. Da allora il posto della Fernandez è stato nel braccio della morte (le esecuzioni capitali a Singapore continuano ad aumentare di numero): in 35 anni ha conosciuto storie diverse, ma un unico comune denominatore,

Cominciano a stare di fronte alla morte, a essere consapevoli che verrà il giorno in cui qualcuno dirà loro: “Questa è la tua ultima settimana. Venerdì sarai ucciso”. Io cammino con loro, li preparo a quel momento. Poi quel momento arriva e i loro cuori sono pronti. (da The StarTV)

Usando un’immagine alquanto inadeguata a un contesto così duro, mi è venuto da pensare alla logica umana e mondana del buttafuori: piazzato all’ingresso di un locale chic, seleziona chi è adeguato o meno a entrare per look, avvenenza, celebrità. Ci sono pecore così nere che nessuno si azzarderebbe a pensarle neanche lontanamente degne di aspirare alla via del Paradiso.

  • 1
  • 2
Tags:
carcereconversionesuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni