Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Gennaio |
San Sebastiano
home iconChiesa
line break icon

Un sacerdote autistico offre consigli ai penitenti autistici e ai loro confessori

SewCream - Shutterstock

Padre Matthew Schneider, LC - pubblicato il 23/10/19

Oltre al nervosismo abituale, ci sono le nostre difficoltà sensoriali o sociali, ma questi suggerimenti possono aiutare

Le persone affette da autismo rappresentano tra l’1,5% e il 2% della popolazione. Io faccio parte di quel gruppo.

Con l’aumento della consapevolezza dell’autismo, si sta sviluppando, seppur lentamente, anche una maggiore sensibilità pastorale nei confronti delle nostre necessità speciali.

È molto raro vedere informazioni su come noi autistici dovremmo preparare e fare la nostra Confessione, o su come i sacerdoti dovrebbero ascoltarla. Non siamo troppo radicalmente diversi, ma qualche adattamento può aiutarci immensamente ad accostarci a questo sacramento.

Da quando ho reso pubblico il mio autismo, ho ricevuto una serie di domande sia da persone autistiche che da sacerdoti su come affrontare certe situazioni tipiche dell’autismo nel confessionale. Spero di offrire qualche indicazione per chi sta sia da un lato che dall’altro.

Osservazioni preliminari

La questione fondamentale relativa all’autismo è che il nostro cervello è “cablato” in modo diverso rispetto a quello del 98% della popolazione. Per certi aspetti è un vantaggio: spesso abbiamo un’ottima memoria a lungo termine, siamo molto attenti ai dettagli e logici. Ad ogni modo, questo crea anche qualche difficoltà. Buona parte della questione del cablaggio è dovuta alla mancanza di alcune connessioni. Ad esempio, nell’istante che intercorre tra il fatto di vedere qualcuno e la consapevolezza di vederlo, il cervello filtra le immagini a livello di espressioni facciali e aspetti sociali. In chi ha l’autismo, questo filtro è manca o debole. Alcuni di noi hanno imparato a compensare, consapevolmente o semi-consapevolmente, ma il filtro conscio richiede molto più lavoro, e in genere non è preciso quanto quello inconscio.




Leggi anche:
“Un viaggio chiamato autismo”: ve lo racconto da madre

Molti comportamenti autistici in modo stereotipato (agitarsi, oscillare, battere le mani…) sono tentativi di regolare il nostro corpo per via di come riceviamo i segnali cerebrali a livello emotivo o sensoriale. Quando abbiamo un crollo o un “arresto”, non è un’azione volontaria. Piuttosto, il nostro cervello si spegne semplicemente per via del sovraccarico, come quando una macchina si surriscalda.

Nell’età adulta, molti di noi si rendono conto di quando sta arrivando questo “surriscaldamento”, e di cosa lo provoca, e quindi sforzandoci possiamo evitare lo “spegnimento”, o in genere far sì che sia meno distruttivo per gli altri, con meccanismi come il chiudersi nella propria stanza. Quando sento che mi sto per “spegnere”, ad esempio, vado in camera mia e giro sulla sedia con le ruote per un’ora, visto che non sono in grado di fare molto altro.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
autismoconfessioneconsiglisacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
6
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni