Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Il metodo di un francescano per vincere alla lotteria

LOS NA LOTERII
Shutterstock
Condividi

Aveva un dono molto particolare ed ha voluto condividerlo

Nella chiesa dei Cappuccini a Roma, Santa Maria della Concezione, tra il 1831 e il 1846 viveva un frate di nome Pacifico molto popolare e cercato dalla gente, non tanto per il suo carisma da bravo francescano, ma perché aveva un dono molto particolare: era capace di dare i numeri per vincere alla lotteria con incredibile esattezza.

All’epoca il gioco della lotteria era a carico dello Stato Pontificio, ovvero del Vaticano, e fra’ Pacifico diciamo che non “contribuiva” al mantenimento dei proventi, al contrario. Per questo, venne deciso di trasferire il religioso al nord Italia proibendogli di rivelare i numeri a chiunque glieli chiedesse.

Fra’ Pacifico obbedì un po’ a malincuore, chiedendo di congedarsi dal popolo romano. Dall’alto della scalinata salutò i romani dicendo:

“Roma se santa sei (66) perché crudel se’ tanta? (70) se dici che sei Santa (16/60) Allora bugiarda sei!” (6)”

I numeri nascosti nella frase vennero colti subito dai giocatori più abili, e quel giorno il banco della lotteria ovviamente saltò.

L’aspetto curioso è che ancora oggi molti Italiani, cercando di vincere la lotteria, usano una tavola inventata da un altro cappuccino sulla base delle conoscenze di fra’ Pacifico. A dire il vero, però, non funziona molto, perché vincere alla lotteria è semplicemente una questione di fortuna, di molta fortuna.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni