Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconFor Her
line break icon

Si è rotto un dente: come dobbiamo comportarci?

DENTISTA BAMBINO

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 22/10/19

In caso di trauma dentale, solo dopo avere tranquillizzato il bambino, occorre fare valutare la situazione da un specialista.

Per prima cosa impariamo a conoscere cos’è un trauma dentale. Si tratta di un evento molto frequente, che può riguardare sia bambini in età pre-scolare (dentizione decidua), che ragazzi in età scolare (in dentizione mista o definitiva).  Un trauma può danneggiare il dente nella sua struttura, i tessuti circostanti (l’osso e la gengiva) o entrambi. L’evento traumatico è vissuto dal bambino e dai genitori come un evento drammatico, per questo è necessario sapere come intervenire al fine di tranquillizzarsi. Tra l’altro, quanto più è tempestivo l’intervento, tanto maggiori sono le possibilità di risolvere il problema.

Prima di pensare al trauma vero e proprio è importante tranquillizzare il bambino; la maggior parte delle volte si tratta infatti di eventi lievi quindi è fondamentale che la preoccupazione del genitore non si trasmetta al bambino e non lo traumatizzi più dell’incidente stesso.

La seconda cosa da fare sempre è far visitare il prima possibile il bambino da uno specialista, che valuterà l’accaduto e potrà consigliare i genitori su come deve essere controllata nel tempo l’eventuale comparsa di conseguenze. Per i denti definitivi può essere utile, se si è rotta una parte di dente, conservare il frammento. Se il dente fuoriesce completamente dalla sua sede, è importante che il dente non venga pulito, ma sia conservato invece nella saliva (in bocca) o nel latte a lunga conservazione o in
soluzione fisiologica. Dal canto suo, il dentista come prima cosa indagherà se il trauma interessa i denti da latte o quelli definitivi.

Se l’incidente coinvolge i denti da latte, le sequele possono essere molto variabili, e talvolta possono coinvolgere anche i denti permanenti, che in quel momento si stanno ancora formando (si trovano più in profondità rispetto a quelli da latte). In questo caso, l’intervento è mirato a ridurre al minimo le possibili complicanze sul dente definitivo. A carico del dentino da latte interessato si procederà semplicemente, ove necessario, a lucidare eventuali bordi taglienti per evitare ferite del labbro e si procederà a controlli periodici per escludere “necrosi” tardive, ovvero la perdita di vitalità del dente: in questi casi il dentino si scurisce e può comparire una bollicina sulla mucosa sovrastante il dente. In caso di necrosi si interviene con le terapie odontoiatriche opportune o con l’estrazione del dente. Se il trauma causa lo spostamento del dente deciduo dalla sua posizione d’origine, si attende un riposizionamento naturale.


child smiles with teeth

Leggi anche:
Bambini: denti che cadono e denti che crescono!

In caso di perdita completa del dente deciduo non si effettua il reimpianto, perché questo comporterebbe il rischio di danneggiare il dente permanente sottostante.

Se il trauma fa penetrare il dente deciduo nella gengiva, la radice del dente può danneggiare il dente definitivo che si sta formando con anomalie che si manifesteranno solo in fase di eruzione del dente permanente.

Se il trauma interessa il dente permanente e l’elemento si è spezzato, riattaccare il frammento è spesso la terapia più efficace. Se il dente ha perso la sua vitalità andrà eseguito un trattamento specifico.

Se il dente è uscito dalla sua sede, bisogna contattare immediatamente l’ambulatorio odontoiatrico, poiché il reimpianto del dente entro 1 ora può avere buone possibilità di successo.

Il dente traumatizzato va tenuto sotto controllo per un lungo periodo di tempo al fine di monitorare eventuali danni tardivi che, se individuati tempestivamente, possono essere limitati nella loro gravità. Sicuramente in tutti i casi quello che verrà consigliato come precauzione sarà di mantenere una dieta con cibi soffici per almeno una settimana, curare molto bene l’igiene orale ed effettuare controlli periodici nel tempo (secondo la frequenza indicata dal dentista)

TRAUMA DENTALE
Ospedale Pediatrico Bambin Gesù
Tags:
ospedale pediatrico bambino gesu
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni