Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Siamo amministratori, non proprietari della vita

CESAREO NEWBORN
Condividi

Una riflessione sul V Comandamento della Legge di Dio

“Voi avete udito che fu detto agli antichi: “Non uccidere: chiunque avrà ucciso sarà sottoposto al tribunale”; ma io vi dico: chiunque si adira contro suo fratello sarà sottoposto al tribunale”
Matteo 5, 21-22

Il quinto dei Dieci Comandamenti della Legge di Dio si applica alla legittima difesa, all’omicidio volontario, all’aborto, all’eutanasia e al suicidio.

Il suicidio, ad esempio, ci fa ricordare che ciascuno è responsabile della sua vita davanti a Dio, perché è stato Lui a metterci al mondo. La nostra esistenza ha quindi Dio come unico sovrano, e per questo dobbiamo preservarla. Questo atteggiamento contraddice l’inclinazione naturale dell’essere umano, perché siamo amministratori e non proprietari della vita, e dobbiamo conservarla e perpetuarla.

Esistono disturbi psichici gravi, come l’angoscia, la paura, la sofferenza e la tortura, che possono portare la persona ad attentare contro la propria vita. Dio, nella sua misericordia, valuterà ciò che in quel momento ha portato la persona ad arrivare al suicidio.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci dice che “non si deve disperare della salvezza eterna delle persone che si sono date la morte. Dio, attraverso le vie che egli solo conosce, può loro preparare l’occasione di un salutare pentimento. La Chiesa prega per le persone che hanno attentato alla loro vita” (CCC, 2283).

Il comandamento “Non uccidere” ci dice che la vita è sacra. Non bisogna uccidere perché solo Dio è padrone della vita, dall’inizio alla fine. Nessuno, in nessuna circostanza, può rivendicare per sé il desiderio di distruggere la vita di un innocente.

La legittima difesa non è un’eccezione al divieto di uccidere un innocente. L’azione di difendersi può comportare un doppio effetto: quello di difendersi per conservare la propria vita e quello della morte dell’aggressore.

Chi difende la sua vita non è colpevole di omicidio, se la conseguenza di proteggerla è stata la morte dell’aggressore. Il primo principio è la difesa della propria vita, e questo è fondamentale nella moralità. La legittima difesa può essere non solo un diritto, ma un dovere grave.

Il quinto comandamento indica anche come gravemente peccaminoso l’omicidio diretto e volontario, e anche l’assassino e chi coopera volontariamente con l’omicidio, perché commettono un peccato che grida al cielo per ricevere vendetta.

Questo comandamento proibisce qualsiasi intenzione di provocare, seppur indirettamente, la morte di una persona. Qualsiasi negozio o pratica mercantile che provochi la fame o la morte dei fratelli è considerata omicidio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni