Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconStorie
line break icon

Una suora racconta i suoi 50 anni di missione in Brasile: “Una follia, l’ho fatta per Gesù”

© JEFFREY BRUNO

KOLKATA, INDIA 2 SEPT: Images from Nirmala Shishu Bhavan (Home for Children) located on 78, A.J.C. Bose Road, Kolkata. The Sisters and volunteers provide medical care, housing and nourishment for chil

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/10/19

Suor Carla Zagato, missionaria da record, ha fatto incontrare il Signore ai poveri delle periferie di San Paolo e Londrina. "Anche se si corrono rischi, il bilancio è sempre positivo"

E’ tornata a casa a Merate, in provincia di Brescia, per raccontare alla sua gente cinquant’anni di missioni. E lo ha fatto non a caso in questo mese di ottobre missionario.

Storie come quelle di suor Carla Zagato non raccontano solo di cosa è fatta una missione cristiana o della povertà alla quale devono far fronte certe popolazioni, ma innanzitutto spiegano fino a che punto può spingersi una persona il cui unico desiderio è quello di aiutare il prossimo. «Il partire è sempre una follia», sono state le prime parole di suor Carla (www.merateonline.it, 11 ottobre).

Un sentimento da provare

Nativa di Merate, classe 1939, è entrata a 22 anni nella Congregazione delle Missionarie Saveriane approdando a Parma all’Istituto Missionarie di Maria. «Nel 1961 ero davvero molto giovane e mi guardavo intorno cercando di valutare le possibilità dell’epoca per fare un’esperienza intensa di fede – ha raccontato – ho così trascorso una settimana tra le Saveriane di Parma. Mi sono sentita subito a casa. E’ impossibile capire questo sentimento se non lo hai mai provato: in quei giorni ho capito quale fosse la mia strada. La cosa che più mi aveva colpito della Congregazione – confida – era l’assenza di un abito specifico così da risultare uguali, e forse più vicini, alla gente comune».




Leggi anche:
È consacrata, è stata missionaria in Africa e ha la sindrome di Down

Le città della missione

Nel 1969, esattamente cinquant’anni fa, suor Carla ha raggiunto per la prima volta il Brasile carica di speranza e di entusiasmo: la sua missione negli anni si è snodata tra le città di Londrina, Santa Mariana, nelle periferie di San Paolo e a Jaguapitã. «Quando vai in missione è più ciò che ricevi rispetto a ciò che dai. E’ vero, a volte si fa molta fatica e si corrono grossi rischi – ammette – ma il Signore attraverso la gente che incontriamo ci riempie la vita. Il bilancio è sempre positivo sopratutto in termini di relazioni, amicizie ecrescita personale» (Giornale di Lecco, 21 ottobre).

“Una follia che si compie per Gesù”

«Il partire missionario – afferma suor Carla – è una follia che si compie per Gesù e per il suo regno. Si parte per collaborare nella realizzazione del sogno di Dio che è fare del mondo una sola famiglia. Ed è lo stesso sogno che aveva anche San Guido Maria Conforti, colui che fondò la confraternita dei Saveriani e padre che diede il la alla nostra congregazione di suore Missionarie di Maria Saveriane di Parma»


Sister, Franciscan, poors, Brazil,

Leggi anche:
La missionaria: “Vi racconto la mia vita in Brasile, tra favelas, droga e sparatorie”

“Il fervore cristiano delle origini”

Ma non si parte senza un obiettivo preciso. «Seguendo l’insegnamento del Vangelo, un buon missionario deve uscire per incontrare l’altro, il diverso e, mettendosi accanto a lui e ai fratelli, creare legami, coinvolgere e accompagnare chi è in difficoltà».

La suora, che lo scorso primo ottobre ha anche incontrato Papa Francesco a Roma, lancia un monito: «Oggi in Italia si vivono tanti pregiudizi che fanno male. Dio, al contrario, predica pace, giustizia e fratellanza. Non bisogna mai escludere nessuno. Nessuno deve essere lasciato da solo anche se la pensa diversamente da noi o se ha la pelle scura: c’è bisogno di ritrovare il fervore cristiano delle origini, di andare oltre questo clima di diffidenza che si è creato e che non giova a nessuno».


EDEL QUINN

Leggi anche:
Edel Quinn, la missionaria irlandese che fondò centinaia di centri missionari in Africa

Tags:
brasilemissionariamissionesuora

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni