Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Alla fine della vita ci verrà chiesto conto dell’amore non dei nostri averi

HAPPY, FAMILY, HOME
Liderina | Shutterstock
Condividi

Capita a molti di dire: io non sono attaccato alle cose. Eppure quante relazioni familiari e di amicizia s’incrinano proprio sul terreno del possesso …

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità».
Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni».
Disse poi una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un buon raccolto.
Egli ragionava tra sé: Che farò, poiché non ho dove riporre i miei raccolti?
E disse: Farò così: demolirò i miei magazzini e ne costruirò di più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni.
Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia.
Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sarà?
Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio». (Luca 12,13-21)

La parte più significativa della nostra vita è nelle relazioni. Quando ad esse si aggiunge anche il legame familiare allora si è in un territorio ancora più prezioso e delicato. Ma come è possibile poi a un certo punto dividersi da un fratello o da un congiunto per questioni legate alle cose? Il vangelo di oggi ha come tema proprio questo: “Uno della folla gli disse: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni»”. Gesù lo dice con chiarezza: la nostra vita non dipende dai nostri beni, eppure carichiamo di una immensa importanza la questione dei beni, specie quando bisogna dividerli insieme. Capita a molti di dire: io non sono attaccato alle cose. Ma poi quando ci si ritrova davanti a situazioni simili tutto si capovolge e interrogate queste persone rispondono: è una questione di principio, di giustizia.

Gesù non fornisce indicazioni per dirimere simili conflitti, ma invita ciascuno a riflettere sul grande tema dell’attaccamento alle cose, e lo fa attraverso il racconto di una parabola. Un uomo lavora, ha un buon raccolto, la vita gli gira dal verso giusto, ha così tanto che deve persino demolire i propri magazzini per fare spazio. Ma proprio quando sembra arrivato il momento di godere di tutti quei beni, Gesù prosegue nel racconto dicendo: “Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sarà? Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio”. Essere attaccati alle cose significa pensare che la nostra vita dipende dal verbo avere. Ma dicevamo all’inizio che la parte più significativa di una persona è nelle sue relazioni e non nei suoi averi. Che senso ha mettere in crisi una relazione per colpa del verbo avere? Alla fine della vita ci verrà chiesto quanto abbiamo amato e non quanto abbiamo accumulato.

#dalvangelodioggi

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.