Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Via Crucis per i popoli e i martiri dell’Amazzonia

You Tube
Condividi

Da Castel Sant’Angelo a Piazza San Pietro, fedeli e padri sinodali in preghiera per i diritti della più grande foresta del mondo

di Michele Raviart – Città del Vaticano

Una Via crucis da Castel Sant’Angelo a Piazza San Pietro ha ricordato oggi i martiri e diritti violati dell’Amazzonia, tema del Sinodo in corso in Vaticano. Al pellegrinaggio, organizzato dalla Repam e da “Amazzonia casa comune”, hanno partecipato fedeli da tutto il mondo e alcuni padri sinodali.

Per i martiri dell’America latina

I canti dei fedeli ricordano la violenza e la repressione dei popoli indigeni dell’Amazzonia. A decine, tra copricapi tipici e strumenti tradizionali, hanno camminato in processione per via della Conciliazione, pregando anche nella Chiesa di Santa Maria in Transpontina. Per ogni stazione della Via Crucis è stato ricordato uno dei martiri dell’America latina e uno dei diritti violati in Amazzonia, tanto delle persone quanto dell’ambiente, come deforestazione e sfruttamento petrolifero.

Una croce per la foresta

Foto dell’Amazzonia e dei loro popoli sono state inchiodate alla croce, mentre a turno i fedeli hanno scritto su una tela bianca i loro pensieri per la salvezza della grande foresta sudamericana. Al termine della Via Crucis sono stati scoperti alcuni disegni di Adolfo Pérez Esquivel, pacifista argentino e Nobel per la pace nel 1980.

Cardinale Barreto: l’Amazzonia torna al centro

Tra i padri sinodali presenti anche il cardinale Pedro Ricardo Barreto Jimeno, arcivescovo di Huancayo, vice presidente della Rete Ecclesiale Panamazzonica (REPAM) . Gli indigeni sono i principali protagonisti di questo sogno che sta diventando realtà, dalla periferia esistenziale e geografica che è l’Amazzonia al centro della cristianità che è Roma, ha affermato. La Via Crucis, ha aggiunto, significa che “Cristo è con noi e ci accompagna. Soffre in questi fratelli e per questo ringraziamo Dio perché stiamo vivendo la sua risurrezione, la gioia del Vangelo”.

Qui l’articolo originale tratto da Vatican News

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.