Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La bambina di 11 anni che viveva legata a un motore, un riscatto che scuote il Perù

POLICE
Difusion
Condividi

Prigioniera in casa sua e tenuta in condizioni disumane, la piccola, disabile, è finalmente stata salvata

La località di San Juan Bautista a Iquitos (Perú), zona legata all’Amazzonia, si è vista scossa nelle ultime ore da un fatto molto peculiare: il riscatto di una bambina disabile di 11 anni che rimaneva legata a un motore all’interno di casa sua ogni volta che la madre andava a lavorare.

Secondo i media locali, grazie agli operatori del settore ambientale e sanitario è stato possibile avvertire la Polizia Nazionale del Perù e la Procura di una situazione complessa nell’insediamento Ampliación Rosa de América. Grazie a questo intervento, la bambina ha potuto essere salvata.

Una volta sul posto, indica La República, si è profilata agli occhi dei soccorritori una scena da film dell’orrore, perché la bambina aveva le mani legate a blocchi di legno e le gambe a un motore.

“Ha necessità speciali. Svolgeremo le indagini per intervenire contro i suoi genitori per crimine contro la vita, il corpo e la salute nei confronti della figlia minore”, ha affermato il procuratore Paola Hitscher Ángulo, della Procura per la Tratta di Esseri Umani di Loreto.

È anche trapelato che la bambina presentava segni di denutrizione e disidratazione, cosa che poco prima del suo riscatto aveva portato i vicini a passarle del cibo attraverso una fessura della parete della sua abitazione.

La madre è stata arrestata – la donna è comparsa durante le operazioni di riscatto –, e la piccola è stata trasferita in una clinica locale per ricevere assistenza medica, per poi essere mandata in una casa-famiglia.

La tragica vicenda di questa bambina ha commosso tutti, ma suscita sollievo il fatto di sapere che si è finalmente posto fine all’inferno in cui viveva.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.