Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Volete comprare un convento o un monastero storico italiano?

Condividi

L’Italia si prepara a mettere all’asta centinaia di proprietà, inclusi alcuni edifici cattolici in disuso

L’Italia è strettamente legata alla diffusione e al rafforzamento della fede cattolica. Per più di un millennio ha ospitato le case di ordini religiosi che spesso dovevano trasferirsi in strutture più grandi man mano che fiorivano. Molte delle proprietà abbandonate hanno visto modificato il proprio obiettivo, ma le strutture sono rimaste le stesse di quando erano luoghi di preghiera e contemplazione.

Alcuni conventi e monasteri sono monumenti culturali, ma sono caduti nell’oblio e sono stati lasciati all’incuria. Ora, tutti abbiamo la possibilità di comprarne uno.

Il Governo italiano ha deciso di mettere all’asta molte proprietà che gli appartengono. Accanto a proprietà moderne, castelli medievali e palazzi, ci sono numerosi edifici che una volta ospitavano monaci e suore.

Eccone alcuni:

Il Convento di San Salvatore

Invest in Italy Real Estate - Fair Use

Costruito in origine nel XII secolo, il Convento di San Salvatore è stato rinnovato nel XVI. Nel XIX secolo è stato usato come caserma, ma molte delle sale affrescate e delle celle dei monaci sono rimaste immutate.

Il Convento di San Domenico

 

Invest in Italy - Fair Use

Il Convento di San Domenico risale al XIV secolo, e ha mantenuto la sua funzione fino alla soppressione nel 1787. Nel XIX secolo è stato trasformato in prigione, ruolo che ha mantenuto fino al 1995. Le celle dei monaci sono state trasformate in celle carcerarie, ma la struttura è rimasta inalterata.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni