Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La “stanza dei fiocchi”, dove si raccontano i prodigi di San Gerardo ai neonati (FOTO e VIDEO)

Aleteia
Condividi

Un viaggio nella sala più suggestiva ed emozionante del santuario di Materdomini tra testimonianze da brividi, foto commoventi, atti di affidamento dei piccoli al santo patrono delle mamme e dei bambini

San Gerardo Maiella nacque nelle vicinanze di Potenza nel 1726 e morì giovanissimo a 29 anni a Materdomini, in provincia di Avellino. Si ricorda ogni anno il 16 ottobre, data della sua ascesa in cielo, avvenuta nel 1755.

San Gerardo è universalmente riconosciuto e invocato “Angelo delle culle”, “Patrono delle mamme e dei bambini”, “Protettore delle partorienti”, proprio perché Dio ha operato miracoli e prodigi a favore delle mamme nel periodo delicato della gestazione. Capita spesso che nelle situazioni più complicate ci si affidi totalmente al santo nella speranza che la strada verso il parto si possa spianare.

Non a caso l’ambiente più suggestivo nel santuario di Materdomini è la sala dedicata alle nuove nascite, divenuta famosa come la “stanza dei fiocchi”.

GERARD MAJELLA
Wikipedia PD
<b>San Gerardo Majella</b>Ci sono stati alcuni miracoli relativi a parti e bambini che hanno coinvolto a questo “santo delle madri” del XVIII secolo. Una madre in travaglio che si trovava in pericoli si strinse sulla pancia un fazzoletto che Majella aveva lasciato a casa sua e diede alla luce un bambino sano.

Migliaia di fiocchi che pendono dal soffitto

Migliaia di fiocchi rosa e azzurri pendono dal soffitto e dalle pareti, abbinati alle fotografie dei piccoli che San Gerardo benedirà lungo il cammino della loro vita. Drappi fitti e colorati a cui sono allegati nomi, auguri, piccole frasi, con tanto di firma, tutte “dedicate” al pazzerello di Dio.

«I nostri bimbi proteggili tu», recita la scritta azzurrina nella stanza, impressa su una parete in legno con al centro un quadro di San Gerardo che benedice un nascituro ancora in fasce. Tutt’intorno sono disegnati fiori colorati, vivaci, luminosi, emblemi dell’inno alla vita che si manifesta ogni giorno nella “sala dei fiocchi”.

Il miracolo del fazzoletto

La sala dei fiocchi si collega ad uno degli episodi più straordinari del Santo, ed è legato ad un fazzoletto e una fanciulla. Già da giovanissimo Gerardo iniziò con i suoi miracoli, e che fossero tali ne era convinta tutta la popolazione. Un giorno, poco prima di morire, Gerardo fece finta di dimenticare un suo fazzoletto presso la casa di una famiglia che l’ospitava ad Oliveto Citra, in provincia di Salerno.

Il parto più difficile

Accortasene, una bambina gli corse subito dietro. «Gerardo, Gerardo!», urlò, «hai dimenticato il tuo fazzoletto». Ma Gerardo non volle riprenderlo indietro. «Tienilo, un giorno ti potrà servire», le rispose.

Alcuni anni dopo, quando quella bimba, cresciuta, si sposò finì in ospedale gravissima per una complicanza, durante il parto. Oramai in fin di vita la ragazza si ricordò del fazzoletto di Gerardo,ormai morto, e chiese di aprirlo e posarlo sulla sua pancia. Non appena l’azione fu compiuta, i dolori cessarono e la donna partorì un meraviglioso bambino.

Il rito del 16 ottobre

Questa è una storia molto sentita dai devoti che viene tramandata di madre in figlia. Per questo, ogni anno, il 16 ottobre, giorno della morte di San Gerardo, durante la celebrazione eucaristica il parroco benedice tutte le partorienti consegnando loro un fazzoletto da tenere con sé al momento del parto.

Inoltre, per sottolineare questa particolare devozione nei confronti del “Santo delle mamme e dei bambini”, è stata collocata, nella Basilica del santuario di Materdomini, una vetrata istoriata rappresentante proprio il miracolo del fazzoletto (Avellino Today.it).

Leggi anche: Gerardo Majella, il santo che andava a giocare ogni giorno con il Bambino Gesù

“I medici erano pessimisti…”

Nella “stanza dei fiocchi” si incontrano oggi le storie di molte donne che dicono di aver avuto un miracolo in gravidanza per intercessione di Gerardo.

Carmela, 29enne, di Gravina di Puglia, visita la stanza dal 2000. «Devo tutti a lui, al nostro San Gerardo», esordisce questa giovane madre, ora sorridente e in compagnia del marito Gianni, ma che ha attraversato momenti difficilissimi all’alba di quel 16 maggio 1999 quando il suo Manuel rischiava di perdere la vita al momento del parto. «I medici erano pessimisti, c’erano state delle complicazioni nelle ultime due settimane di gravidanza, il bambino aveva seri problemi con la nutrizione – ricorda la giovane madre – mi dissero che bisognava accelerare i tempi e fare un cesareo. Pregai tanto e San Gerardo mi ha ascoltata. Ora siamo felici e Manuel sta bene. Mio marito pochi giorni dopo la nascita corse subito qui al santuario per consegnare il fiocco azzurro».

Aleteia
Alla processione di San Gerardo partecipano molte congregazione formate da donne, segno del profondo legame materno con il santo di Materdomini

I fiocchi, tra gioie e dolori

Storie a lieto fine, storie di speranza, storie infelici echeggiano tra i drappi, sulle foto dei bambini, tra le parole impresse per sempre accanto ai fiocchi. Capita di scorgere immagini di gemellini sorridenti, di piccoli provenienti dalla stessa famiglia che ad ogni nato ha consegnato un simbolo a San Gerardo. In altri casi si hanno di fronte le storie di bambini nati con una menomazione o con gravi problemi fisici. Le porte di San Gerardo si spalancano soprattutto per loro.

Spesso capita che genitori con il volto scavato dai sacrifici e dell’emozione vengano qui a depositare il fiocco della speranza, per affievolire il dolore che li affligge quotidianamente, sapendo che il loro figlio dovrà affrontare un’esistenza non delle più semplici e ben lontana da quella che si sarebbe augurato ogni genitori.

E’ per questo che chiedono a San Gerardo di vegliarlo, di attutire quelle “mancanze” di cui la vita l’ha privato.

Leggi anche: Recita la solenne preghiera di protezione per le mamme e i bambini a San Gerardo Maiella

Ambiente “internazionale”

La sala dei fiocchi può certamente essere definita anche come una delle stanze più “internazionali” dell’intero complesso gerardino.

In questa stanza hanno fatto tappa devoti provenienti da ogni parte del mondo, Canada, Stati Uniti, Svizzera, Inghilterra, Francia, Germania. Ci sono passati mamma Silvia e papà Nicola della piccola Greta di Vancouver, oppure mamma Teresa e Nicola Ricciardi, genitori della piccola Lena nata in Belgio. Tra le comunità di emigranti italiani all’estero, il culto di San Gerardo è sentitissimo. E allora ogni occasione è buona, al rientro in Italia, per raggiungere il santuario, magari con i propri figlioletti appena nati, e appoggiare il fiocco nella sala, adornato da un fiore o da una foto del “nuovo arrivo”.

Oppure come nel caso di Florence, ragazza americana nata nel New Jersey da genitori originari di Sala Consilina – cittadina a cavallo tra salernitano e Lucania – la tappa nella sala giunge durante il periodo di gravidanza. «E’ in arrivo il terzo figlio», dice la sorridente devota gerardina d’oltreoceano. E appena nascerà, Florence già promette che al prossimo rientro in Italia, visiterà nuovamente il santuario. «Il bambino si chiamerà Simon e ho già pronto il fiocco azzurro che lascerò qui, in questa meravigliosa sala, sapendo che su Simon veglierà il nostro San Gerardo».

La festa delle mamme e dei bambini

C’è un evento, oltre al 16 ottobre, che rinnova, in particolare modo, questa protezione per i più piccoli richiesta al santo. Ogni anno, l’ultima domenica di maggio, si celebra a Materdomini la “Giornata delle mamme e dei bambini”, con la processione al parco della Mater Domini dove, dopo la celebrazione della santa Messa, le mamme affidano i loro bambini alla protezione della Madonna e di San Gerardo. E’ forse questa la giornata in cui la “sala dei fiocchi” è tradizionalmente più affollata.

Leggi anche: Malato di tisi, non poteva alzarsi dal letto. È guarito dopo aver visto San Gerardo

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.