Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La “festa della luce” rincorre Halloween? Non ne abbiamo bisogno

HALLOWEEN KIDS
Di Rawpixel.com - Shutterstock
Condividi

Forse noi cattolici, soprattutto da quando siamo minoranza di fatto e più o meno esplicitamente disprezzata, abbiamo la tentazione di rispondere al mondo, di rincorrerlo sul suo terreno, col rischio non tanto di sembrare patetici ma soprattutto di perdere di vista quel che conta davvero. Allora festeggiamo, sì. Ma per bene. Ecco alcuni consigli, non richiesti, che sono sempre i migliori, per una bellissima Festa della Luce.

Non è che non mi piaccia la festa di per sé. Io adoro le feste. Adoro avere un motivo per festeggiare, organizzare, invitare (no, per pulire tutta casa da cima a fondo, proprio no, ma anche quello fa parte del programma…).

Quello che non mi piace della tanto ormai di moda “festa della luce” è che, per noi cattolici, è diventata uno scimmiottare Halloween.

Come se per dare ai nostri figli una alternativa e tenerceli buoni e al sicuro il 31 ottobre bisognasse per forza farli mascherare da qualcosa, o mandarli in giro da soli per le case a elemosinare dolcetti regalando però santini.

Non mi piace che questa festa sia diventata popolare non per la bella festa che è, ma perché ce n’è un’altra purtroppo molto più in voga, da soppiantare. Sembra quasi di sminuirla, la nostra festa, sembra che le manchi qualcosa per essere bella e fighetta come Halloween.

Leggi anche: Le notti alternative ad Halloween: tra preghiera, festa della luce e santi

Allora via: mascheriamo anche noi i bambini da Madre Teresa e Gianna Beretta Molla, o magari un tradizionale San Francesco con le stimmate. A me questo sembra ridicolo. Come è ridicolo prendere in giro la morte vestiti da fantasmi e scheletri, che tanto, quando arriva davvero nessuno è così coraggioso da chiederle un dolcetto, è altrettanto ridicolo mettersi a giocare coi santi.

Basta aprire Pinterest. Digitare “festa dei santi” o “festa della luce” per vedere cose allucinanti che manco Halloween si sognerebbe. Gemelli vestiti da Padre Pio in bilocazione, bambini coi segni del martirio, che girano con la graticola del BBQ del papà per fare San Lorenzo, che mangiano miniburger chiamati “Rotula di San-non-mi-ricordo-chi-tanto-ero-scioccata”. E badate bene, io sono la prima che prepara le “minne di Sant’Agata”, ma quelle sono una ricetta nata come venerazione per una Santa, non dei panini a cui affibbiare il nome di qualcos’altro. C’è differenza tra qualcosa fatto per devozione e qualcosa fatto per “fare tema”. È la stessa cosa con le rievocazioni della Via Crucis. Anche quella è in costume, ma ammetterete che la sacralità è diversa dal party coi bimbi che corrono e si azzuffano vestiti da Santi solo perché non volevamo che lo facessero vestiti da streghe e zucche.

Insomma. Va bene dare ai bambini qualcosa da festeggiare e organizzare un party di tutto rispetto. Farlo diventare una tradizione, magari, ma si tratta sempre di Santi. E, come dovrebbe essere per la morte, meritano un certo rispetto. Che è quello che poi vorrei trasmettere ai miei figli.

Una festa, certo. Ma una festa sacra. Non un semplice party a tema dove vince chi ha la trovata più trash. Quello sì che è Halloween.

Leggi anche: La piaga social del cristianesimo: il TRASHendentale

Ecco qualche consiglio per una vera, diversa, autentica “festa della luce”:

 

Non in costume, ma con un dress code

Ad esempio tutti, grandi e piccoli, devono indossare qualcosa di bianco, che ricordi la luce: un accessorio tra i capelli, coroncina di fiori bianchi, una maglia, un abito. Non è una mascherata stile Carnevale, solo un modo per celebrare la Luce e va bene, ogni tanto, vestirci anche noi di Luce!

Allestimento sì, ma con cognizione

Non darei nomi stravaganti alle pizzette del buffet, piuttosto cucinerei davvero i biscotti preferiti da San Francesco (qui su Aleteia la ricetta) oppure lavorerei più sull’allestimento con lanterne, fili di lucine come quelle di Natale, per creare un ambiente accogliente dove a un certo punto si possano spegnere le luci più forti e cantare canti dedicati ai Santi. Magari farei il lancio delle lanterne a una certa ora a cui ognuno può attaccare il pensiero dedicato a un Santo speciale.

Se si tratta di bambini, la sera farei il cinema con un cartone sulla vita di qualche Santo e lì sì che mi sbizzarrirei a comprare porta pop corn da cinema e creare un kit pieno di schifezze a tema (a tema cinema ovviamente non a tema “Santi al cinema”!).

Noi diamo, non chiediamo

Si possono fare tantissime attività coi bambini a tema Santi, così tante da riempire  tre feste intere. Ma se proprio volete portarli per le case come fanno i loro amichetti fantasmini, non andate a chiedere dolci in cambio di Santini. Andate, magari, a portare nelle cassette della posta disegni di Santi colorati da loro prima, o a bussare alle porte di chi vorrà per estrarre il Santo dell’anno. Quello che vorrei trasmettere ai miei bambini è che il Cristiano va e dà senza per forza ricevere, senza che gli sia aperto a volte, ma se la strada si fa insieme sarà comunque bello e qualcuno aprirà.

Leggi anche: Dolcetto (di Santa Ildegarda) o scherzetto (di San Giovanni Bosco)?

Torniamo a festeggiare i nostri Santi e facciamone una festa…di tutto rispetto!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG MARTHA, MARY AND ME

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.