Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Credi all’inferno? O sei un appassionato di fantasy o un medioevale!

man without head
By frankie's|Shutterstock
Condividi

Non credere all’inferno, non trasforma il mondo in un paradiso terrestre, anzi. Al limite in un paradiso artificiale, il peggiore degli inferni.

Niente è più attuale di una cosa eterna #2 – di Giuseppe Signorin

Se credi all’inferno o sei un appassionato di fantasy oppure uno sbadato e non ti sei accorto che non siamo più nel Medioevo, nonostante tantissimi, con lucidità disarmante, continuino ad avvertire i meno avveduti. Ma anch’io sono d’accordissimo con quanti affermano che non siamo più nel Medioevo, infatti, citando il filosofo contadino Gustave Thibon, nel Medioevo «non si conoscevano tutte le pieghe della serratura umana e cosmica, ma si possedeva la chiave che è Dio. A partire da Cartesio, si è esplorata a fondo la serratura, si è potuto descriverla in modo sempre più dettagliato, ma, nel corso di questa ricerca si è smarrita la chiave! Il mondo e l’uomo sono diventati serrature senza chiave». E oggi, che siamo senza chiave, la serratura ipertecnologica in cui siamo incastrati fino a quando non si aprirà la porticina per l’al di là sta assumendo ogni giorno di più le sembianze di un inferno. Basti pensare alle maschere indossate dalle mie amiche Patty Pravo e Loredana Bertè agli ultimi Sanremo. O a Mickey Rourke (avete presente in cosa si è trasformato Mickey Rourke?).

«Proprio in quest’ora della storia viviamo nell’oscurità di Dio», pregava papa Benedetto XVI in una Via Crucis di qualche anno fa, ma se vogliamo restare su un fronte più laico, anche le parole del geniale Ennio Flaiano non sono male: «Da quando l’uomo non crede più all’inferno ha trasformato la sua vita in qualcosa che assomiglia all’inferno. Non può farne a meno». Non credere all’inferno, non trasforma il mondo in un paradiso terrestre, anzi. Al limite in un paradiso artificiale, il peggiore degli inferni (tipo le plastiche facciali di cui sopra – Patty, Lory, Mickey).

Leggi anche: Niente è più attuale di una cosa eterna: il Rosario, Sfera Ebbasta, Greta

«La Chiesa nel suo insegnamento afferma l’esistenza dell’inferno e la sua eternità», recita il Catechismo. E come tutte le cose eterne, pure l’inferno è attualissimo. Sia perché non credendoci più nessuno, o quasi, il rischio di finirci dentro è altissimo, sia perché senza avere uno sguardo trascendente, che vede le cose di questo mondo terminare in una dimensione dove ci sarà perfetto amore e giustizia per tutta la storia dell’umanità, senza questo sguardo è davvero difficile non allontanarsi da Dio. E l’inferno è proprio questo: allontanarsi da Dio. Rifiutarlo.

Ma l’inferno alla fine è necessario: se non ci fosse, come potremmo essere liberi di scegliere? Saremmo costretti ad andare in paradiso. Invece abbiamo questa vita per prendere la nostra decisione e vivere di conseguenza (con tutto quello che la libertà comporta, come la brillante idea di munire il proprio sorriso di “grillz”, i denti d’oro che dal “gangsta rap” anni 90 sono tornati di moda in questo periodo fra i miei amici trapper, o il nuovissimo copri-orecchio che ha sfoggiato Mahmood su Instagram, su cui non è semplice esprimersi).

Ovviamente, che l’inferno ci sia o meno, non è dimostrabile. Questa valle di lacrime è disseminata di segni che possono farne intuire l’esistenza, ma una certezza scientifica, in un verso o nell’altro, non può esserci. Ognuno di noi scoprirà la verità al momento giusto. «Dio ha messo nel mondo abbastanza luce per chi vuole credere, ma ha anche lasciato abbastanza ombre per chi non vuole credere», diceva Pascal. Sta a noi decidere se concentrarci di più sulla luce o sulle ombre.

Leggi anche: Non credi al peccato originale e pensi di salvarti da solo? Povero illuso!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MIENMIUAIF – MIA MOGLIE ED IO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.