Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 09 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

4 volte in cui le anime del Purgatorio sono apparse fisicamente a Padre Pio

Padre Pio mentre recita la Preghiera Eucaristica a Messa.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 11/10/19

Il mattino dopo il superiore andò dritto al cuore del problema e avvicinato Padre Pio, chiamato in causa da quelle voci, con il quale aveva molta confidenza, gli riferì ciò che era successo la sera precedente, chiedendogli pure se anche lui aveva sentito quelle parole quasi urlate, come a farsi sentire da tutti a tutti i costi. Padre Pio, senza dare molta importanza alla cosa, con molta calma, come se si trattasse della cosa più comune ed ordinaria di questo mondo, tranquillizzò il superiore, spiegandogli che le voci che avevano gridato “Viva Padre Pio” appartenevano a dei soldati defunti, venuti a ringraziarlo per le sue preghiere.




Leggi anche:
Quando padre Pio ricevette la visita di un’anima del Purgatorio

3) Padre Bernardo

Verso la fine del 1937 morì P. Bernardo d’Apicella, a quel tempo Provinciale dei frati cappuccini. Secondo la consuetudine, tutti i frati sacerdoti della Provincia celebrarono tre Messe in suo suffragio, secondo le regole cappuccine. Una notte, alla stessa ora in cui era avvenuta la morte di Padre Bernardo, dopo aver finito di pregare, Padre Pio si accinse a lasciare il coro per il suo abituale riposo, che durava due o tre ore. Prima di farlo, però, si avvicinò alla ringhiera del coro e guardò intensamente il tabernacolo, per salutare con devozione Gesù, prima di lasciarlo in compagnia degli angeli. Mentre guardava, il tabernacolo, vide, chiaramente e distintamente, l’ormai deceduto P. Bernardo dirigersi verso la sacrestia.

CPP | CIRIC
Padre Pio con le stigmate.

Padre Pio fu per tre notti consecutive testimone di questo avvenimento e molti frati ne ricevettero conferma da lui stesso. P. Raffaele, compagno e superiore di Padre Pio, così commentò: “E’ probabile che P. Bernardo sia apparso a Padre Pio per ringraziarlo delle sue preghiere e per fargli capire che per la liberazione della sua anima dal purgatorio fosse necessario un maggior numero di preghiere”.


PADRE PIO

Leggi anche:
Padre Pio ha visto le anime del Purgatorio: le testimonianze

4) I frati defunti e Zi Razio

Nel lontano 1928 il padre di Padre Pio, Grazio Forgione, che tutti chiamavano confidenzialmente “Zì Razio”, era solito venire spesso a San Giovanni Rotondo per trascorrere qualche giorno con suo figlio. Una sera, dopo la rituale ricreazione del dopo cena, in uso tra i frati della durata di circa una mezz’ora, zì Razio salutò suo figlio e gli altri frati e si diresse verso la cella assegnatagli dal superiore del convento, e che aveva il numero dieci. Quando vi si avvicinò, fu sorpreso di vedere due frati in piedi davanti alla sua stanza, che non lo lasciavano entrare. Il povero zio Razio credette che fossero due stranieri che avevano sbagliato stanza (anche a quell’ora era abitudine che i frati venissero a trovare Padre Pio per avere un a sua benedizione).

Zio Razio molto gentilmente cercò di spiegare che aveva bisogno di andare a riposare e di convincerli a farlo passare, perché quella stanza era stata assegnata a lui. Ma invano! Lo ripeté alcune volte senza averne risposta. Un po’ impaziente, cercò di farsi strada tra i due, ma, poi, ricorse al fatto ragionevole e convincente di fare presente ai due frati che la stanza non era fornita di due letti, ma di uno solo. Nel preciso momento in cui tentò di forzare il passaggio, i due frati scomparvero. Scosso, confuso e turbato per la loro scomparsa, corse da suo figlio Padre Pio a raccontargli tutto. Padre Pio capì immediatamente. Con il braccio destro gli circondò la spalla e con parole filiali lo rasserenò, infondendogli coraggio.

Quando poi si rese contro che suo padre si era ripreso dallo spavento, gli disse: “Pà, quei due frati che hai appena visto dinanzi alla tua stanza sono due poveri religiosi che si trovano in purgatorio: stanno facendo il loro purgatorio proprio nel posto in cui hanno violato la regola di S. Francesco. Sono venuti per chiedere di essere aiutati con la nostra preghiera ad uscirne al più presto. Ora, però, calmati e và a dormire serenamente, perché non ti daranno più noia”.




Leggi anche:
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre in Purgatorio

Poi Padre Pio accompagnò suo padre nella stanza numero 10 ed aspettò, finché non si mise a letto. Gli augurò la buona notte e si congedò da lui”. Il fatto accadde nel febbraio 1922.

Uno dei seminaristi presenti era il P. Alberto D’Apolito di San Giovanni Rotondo, che lo riporta nel volume delle sue testimonianze su Padre Pio.Trascriviamo l’episodio nella versione dell’ex “fratino” D’Apolito.

“Una delle apparizioni, che gli fece più impressione, fu quella che ebbe una sera di febbraio 1922 presso il focolare del convento di San Giovanni Rotondo, quando io ero “fratino”. Alcuni giorni dopo, tenendoci la conferenza settimanale (si trattava di lezioni di ordine spirituale, che faceva ai ragazzi in quanto direttore spirituale del seminario) nella scuola, Padre Pio ci disse: “Ora ascoltate quello che mi è capitato alcune sere fa. Sceso al fuoco comune per riscaldarmi ebbi la sorprese di trovare quattro frati, mai visti, seduti attorno al fuoco, col cappuccio in testa e in silenzio. Rivolsi loro il saluto. “Sia lodato Gesù Cristo”; nessuno mi rispose. Meravigliato, li guardai attentamente per vedere chi fossero, ma non li conobbi. Mi trattenni in piedi alcuni minuti e, guardandoli, ebbi la sensazione che soffrissero. Ripetuto il saluto, senza risposta, salii su e mi diressi alla camera del padre Guardiano, per informarmi se fossero arrivati frati forestieri. Il padre superiore (che in quel tempo era P. Lorenzo da San Marco in Lamis) mi rispose: “Padre Pio, chi vuoi che si azzardi a venire quassù con questo tempaccio…!”. Io aggiunsi: “Padre Guardiano, giù al fuoco comune ci sono quattro frati cappuccini, seduti sulle panche attorno al fuoco, col cappuccio in testa, che si riscaldano. Li ho salutati, ma non mi hanno risposto. Li ho guardati attentamente e non li ho riconosciuti. Non so chi siano”. Il P. Guardiano esclamò: “Possibile che siano arrivati dei frati forestieri senza che io sappia nulla! Andiamo a vedere”. Scendemmo al focolare e non trovammo nessuno. Allora compresi che i quattro frati visti erano religiosi defunti, che scontavano il purgatorio in quel luogo, dove avevano offeso il Signore, Mi trattenni tutta la notte in preghiera dinanzi a Gesù Sacramentato per la loro liberazione dal purgatorio”. 




Leggi anche:
La notte in cui l’assistente di Padre Pio fu tormentato da un’anima del Purgatorio

  • 1
  • 2
Tags:
anime del purgatoriopadre piopurgatoriosan pio da pietrelcina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni