Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Novembre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconNews
line break icon

I poliziotti ecuadoregni recitano il Padre Nostro in mezzo alle proteste

You Tube

Catholic Link - pubblicato il 11/10/19

di Silvana Ramos

I minuti prima di uno scontro non devono essere affatto facili. Anche quando il corpo e la mente sono allenati, credo che si tratti di momenti molto intensi, in cui magari si fanno strada paura e angoscia.

La paura è non solo quella di perdere la vita e di lasciare le persone che si amano di più, ma anche quella di disumanizzarsi, di togliere la vita agli altri, di lasciare ferite profonde che magari impiegheranno molto a guarire, o forse non guariranno mai.

Le forze armate lottano per garantire l’ordine e la pace, per difendere la Nazione e la sua sovranità. A noi civili spetta di capire ciò che si può verificare nella mente dei poliziotti o dei soldati.

Magari non ne avessimo bisogno, magari la guerra non esistesse… siamo fragili in moltissimi sensi, e la violenza tra fratelli è all’origine di tutto. Caino e Abele, conflitti interni, Nazioni che si scontrano, sete di potere, invidia, avidità, gelosia, malattie del corpo e dell’anima…

Assistere a tutto questo è triste, perché il cuore si commuove sia per la vittima della violenza che per colui che la esercita, perché è inevitabile che entrambi subiscano ferite profonde e a ogni livello.

È lecita la violenza, è lecita la guerra? Nel mondo si vivono innumerevoli conflitti, i cristiani vengono perseguitati, poliziotti e popoli si scontrano per crisi politiche o economiche. La violenza affiora insieme alla disperazione. La giustizia diventa difficile da vedere, ma è necessario trovarla.

Qualche giorno fa in Ecuador si è scatenata una serie di proteste a causa della situazione politica e di alcune misure economiche adottate. In mezzo a tutto questo, è diventato virale un video che mostra i poliziotti mentre recitano il Padre Nostro prima di ripristinare l’ordine.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ecuadorpadre nostropoliziottoproteste
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Pope Audience
Gelsomino Del Guercio
Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paur...
O Planeta que temos
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il la...
COQUI
Esteban Pittaro
L'ultima Messa di un sacerdote prima di esser...
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Toscana Oggi
Si può fare la Comunione senza essersi prima ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni