Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pregare è scoprire ogni volta il Padre, è stupore che si rinnova per un amore indelebile

KOBIETA W KOŚCIELE
Shutterstock
Condividi

Insegnaci a pregare, chiede un discepolo: il rapporto di Gesù col Padre era così profondo e pieno da suscitare negli altri il desiderio di poter vivere la stessa esperienza.

Un giorno Gesù si trovava in un luogo a pregare e quando ebbe finito uno dei discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».
Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdonaci i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore, e non ci indurre in tentazione». (Lc 11,1-4)

“Un giorno Gesù si trovava in un luogo a pregare e quando ebbe finito uno dei discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli»”. Se qualcuno si domanda se la propria preghiera è una buona preghiera, allora il vangelo di oggi fornisce due chiavi di giudizio per rispondere correttamente. La prima è nella descrizione della preghiera di Gesù. Il suo modo di pregare fa venir voglia di pregare. Ecco perché viene registrata la richiesta “insegnaci a pregare”. Chissà se il nostro modo di pregare fa venir voglia di pregare gli altri, o magari è il motivo per cui gli altri non pregano. Può sembrare un criterio superficiale, ma è un po’ come dire che quando una cosa è vera, lo è talmente tanto da essere affascinante, e si propaga per contaminazione. Ad esempio quando passiamo del tempo in silenzio davanti all’Eucarestia, in adorazione, o quando celebriamo la Messa, chi ci vede stare lì, vede che noi crediamo al fatto che davvero Gesù è lì presente? O traspare solo una religiosità fatta di gesti, parole e convenevoli liturgici? Il Vangelo ci fa intuire che Gesù quando pregava era bello, faceva venir voglia. E questa è la prova che la sua è davvero un’autentica preghiera. Il secondo criterio di giudizio nasce dalle parole di Gesù stesso: “Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
Padre, sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdonaci i nostri peccati,
perché anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore,
e non ci indurre in tentazione»”. La preghiera autentica è sempre una preghiera rivolta a un Padre. È scoprire il Padre. È sapere cioè di essere amati da Qualcuno che non solo ci ha creati, ma ci ha voluti, ci ha desiderato, ci ha dato la vita, si è sacrificato per noi. Nella sola parola “Padre” è racchiusa tutta un’esperienza di amore e fiducia. La preghiera vera è entrare in questo amore, e lasciare che esso ci segni indelebilmente la vita.


#dalvangelodioggi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.