Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Poliziotti uccisi a Trieste: la madre dell’assassino chiede perdono per suo figlio

Condividi

Dinanzi al diluvio di insulti, quel pavimento della caserma, macchiato di sangue, dovrebbe essere solo il luogo di un attonito silenzio

E’ accusato di omicidio plurimo e tentato omicidio il dominicano Alejandro Augusto Stephan Meran, l’uomo di 29 anni che ha ucciso due agenti a Trieste.

Meran, malato psichico in cura presso l’Asl, dopo aver sottratto la pistola all’agente Pierluigi Rotta, gli ha sparato due volte. Uditi gli spari, l’altro agente Matteo Demenego è uscito dall’ufficio ed è stato raggiunto da tre colpi.

Il duplice omicidio ha scosso l’opinione pubblica di tutta Italia. Trieste si è raccolta intorno alle vittime con una fiaccolata silenziosa di cordoglio, mentre in tv l’hanno fatta da padrone commenti aspri e violenti, come scrive Marina Corradi, in una interessante riflessione su Avvenire (7 ottobre).

«Che i due bastardi assassini dei poliziotti di Trieste marciscano in galera per il resto dei loro giorni: sia fatta giustizia, senza attenuanti e senza sconti»: Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia. Poco dopo, Matteo Salvini: «L’infame assassino dei due poliziotti della Questura di Trieste (anche se molti giornali e telegiornali non lo dicono) è uno “straniero con disagio psichico”. Che a nessuno venga in mente che questa sia un’attenuante! Per gli assassini, nessuna pietà».

Parole che rotolano nelle case degli italiani, sulle tavole a cui si cena, parole che soffiano su una rabbia percepibile che si va allargando. “Bastardi”, “Marciscano in galera”, e: “È uno straniero”.

“Non c’è parola”

In questo valzer di maledizioni, scrive Avvenire, «meraviglia grandemente una breve intervista della mamma dell’assassino a un tg. Una donna provata dalla fatica, arrivata in Italia dalla Germania, la faccia precocemente invecchiata simile a quella di tante colf che lavorano nelle nostre case. In più, il tormento di quel figlio. Cosa direbbe ai genitori delle vittime, domanda la giornalista. La donna, smarrita: «Che posso dire? Che può dire una persona a un padre che perde un figlio? Non c’è parola, non c’è nulla che possa confortare di un dolore così. Mi dispiace per quello che mio figlio ha fatto, è un malato mentale».

“Noi abbiamo paura di Dio”

La madre reprime le lacrime, lacrime vere sulla faccia esausta. Una pausa: «Noi siamo cristiani, noi abbiamo paura di Dio. Io non so come chiedere perdono a quei genitori». E tu che ascolti hai un sussulto: («Che posso dire, non ci sono parole, non so come chiedere perdono»). Lo straniero ‘bastardo’ è un folle lasciato a se stesso, e sua madre è una donna che piange, e comprende il dolore di quei padri, di quelle madri sconosciute.

‘Che marcisca in galera!’ ‘Nessuna pietà!’, gridano fuori, per conquistare il favore del popolo italiano. Ma a parlare cristiano è un’immigrata dominicana venuta qui con i figli per lavorare e sopravvivere. Uno, molto malato, sciaguratamente ha ucciso. Eppure, conclude Avvenire, le parole di una madre disgraziata risuonano, nel fragore delle maledizioni, quelle più pietose, e vere.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.