Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconNews
line break icon

Poliziotti uccisi a Trieste: la madre dell’assassino chiede perdono per suo figlio

Youtube - FanPage

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/10/19

Dinanzi al diluvio di insulti, quel pavimento della caserma, macchiato di sangue, dovrebbe essere solo il luogo di un attonito silenzio

E’ accusato di omicidio plurimo e tentato omicidio il dominicano Alejandro Augusto Stephan Meran, l’uomo di 29 anni che ha ucciso due agenti a Trieste.

Meran, malato psichico in cura presso l’Asl, dopo aver sottratto la pistola all’agente Pierluigi Rotta, gli ha sparato due volte. Uditi gli spari, l’altro agente Matteo Demenego è uscito dall’ufficio ed è stato raggiunto da tre colpi.

Il duplice omicidio ha scosso l’opinione pubblica di tutta Italia. Trieste si è raccolta intorno alle vittime con una fiaccolata silenziosa di cordoglio, mentre in tv l’hanno fatta da padrone commenti aspri e violenti, come scrive Marina Corradi, in una interessante riflessione su Avvenire (7 ottobre).

«Che i due bastardi assassini dei poliziotti di Trieste marciscano in galera per il resto dei loro giorni: sia fatta giustizia, senza attenuanti e senza sconti»: Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia. Poco dopo, Matteo Salvini: «L’infame assassino dei due poliziotti della Questura di Trieste (anche se molti giornali e telegiornali non lo dicono) è uno “straniero con disagio psichico”. Che a nessuno venga in mente che questa sia un’attenuante! Per gli assassini, nessuna pietà».

Parole che rotolano nelle case degli italiani, sulle tavole a cui si cena, parole che soffiano su una rabbia percepibile che si va allargando. “Bastardi”, “Marciscano in galera”, e: “È uno straniero”.


hood, gang, young, criminal,

Leggi anche:
Il perdono di Ibrahim: un abbraccio per i due scugnizzi che lo avevano assalito

“Non c’è parola”

In questo valzer di maledizioni, scrive Avvenire, «meraviglia grandemente una breve intervista della mamma dell’assassino a un tg. Una donna provata dalla fatica, arrivata in Italia dalla Germania, la faccia precocemente invecchiata simile a quella di tante colf che lavorano nelle nostre case. In più, il tormento di quel figlio. Cosa direbbe ai genitori delle vittime, domanda la giornalista. La donna, smarrita: «Che posso dire? Che può dire una persona a un padre che perde un figlio? Non c’è parola, non c’è nulla che possa confortare di un dolore così. Mi dispiace per quello che mio figlio ha fatto, è un malato mentale».

“Noi abbiamo paura di Dio”

La madre reprime le lacrime, lacrime vere sulla faccia esausta. Una pausa: «Noi siamo cristiani, noi abbiamo paura di Dio. Io non so come chiedere perdono a quei genitori». E tu che ascolti hai un sussulto: («Che posso dire, non ci sono parole, non so come chiedere perdono»). Lo straniero ‘bastardo’ è un folle lasciato a se stesso, e sua madre è una donna che piange, e comprende il dolore di quei padri, di quelle madri sconosciute.

‘Che marcisca in galera!’ ‘Nessuna pietà!’, gridano fuori, per conquistare il favore del popolo italiano. Ma a parlare cristiano è un’immigrata dominicana venuta qui con i figli per lavorare e sopravvivere. Uno, molto malato, sciaguratamente ha ucciso. Eppure, conclude Avvenire, le parole di una madre disgraziata risuonano, nel fragore delle maledizioni, quelle più pietose, e vere.


MAN, PHONE, SELFIE

Leggi anche:
Confessa l’omicidio sui social. Ma la visibilità esaspera la colpa e non offre perdono

Tags:
mammaomicidioperdono

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni