Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconSpiritualità
line break icon

“Qualsiasi cosa domanderete al Padre nel mio nome ve la darà”. Ma è proprio vero?

Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 08/10/19

Spesso, dopo aver pregato, ci sentiamo delusi perché sembra che le nostre preghiere non ottengano risposta. E se non fosse che non è Dio a non ascoltarci, ma noi a non aver colto tutto il significato della supplica?

Le preghiere di supplica sollevano molte domnde. Dobbiamo ammettere che a volte il loro significato è oscuro per noi. Magari sorridiamo con condiscendenza alla preghiera di una nonna perché il nipote passi gli esami quando non tocca un libro da anni, o ci preoccupiamo per le persone che pregano di vincere al gioco. In questo caso entriamo in un mondo magico che non ha nulla a che vedere con i Vangeli. Non ci stanchiamo mai di ripetere che Dio non è un dispenser automatico. Non è lì per ricompensare la nostra pigrizia e incompetenza, e sicuramente non è lì per redimere i nostri capricci o risentimenti. Questa sarebbe un’inversione pagana della Preghiera del Signore: “Sia fatta la nostra volontà, venga il nostro regno, sia santificato il nostro nome”. Spesso le nostre preghiere di supplica tendono ad essere di dubbia natura. Dovremmo smettere di pregare? Ovviamente no!

Nostro Padre sa di cosa abbiamo bisogno

La Bibbia abbonda di preghiere e suppliche. Come dice San Paolo, “Esorto dunque, prima di ogni altra cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini” (1 Tim 2, 1-2). Gesù stesso si dedicava alla preghiera, perché Simon Pietro non soccombesse, perché Lazzaro risuscitasse e i Suoi discepoli rimanessero uniti e protetti dal Maligno. Egli ci insegna e ci incoraggia a pregare in ogni momento: “Qualsiasi cosa domanderete al Padre nel mio nome, egli ve la darà” (Giovanni 16, 23). Se i padri terreni sanno dare cose buone ai loro figli, a maggior ragione il nostro Padre celeste può darne a noi, e la più preziosa è lo Spirito Santo, che comunque non esclude il resto.

Dio si preoccupa di ogni dettaglio della nostra vita quotidiana e dei nostri problemi? La risposta può essere solo un deciso “Sì”. È nostro Padre, non un concetto astratto. Opera a questo livello pratico? Sicuramente. Ma in che modo lo fa? A volte attraverso i miracoli – anche se gli interventi diretti sono rari esistono! In genere ci guida da dentro attraverso il gentile potere di persuasione dello Spirito Santo e soprattutto i nostri atti di carità. Spesso si può fare anche permettendo quei fortunati incontri e quelle splendide coincidenze che i non credenti attribuiscono al caso, e in cui vediamo la mano della Provvidenza. Ma potreste chiedere perché ci si dovrebbe scomodare con le preghiere di supplica.

È un modo per parlare a Dio delle nostre necessità? Non è così, “poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate” (Mt 6, 8). Si tratta allora di un modo per esercitare pressioni su Dio per ottenere qualche favore? No, la preghiera di supplica trasforma noi, non Dio. È questo il vero motivo per cui dobbiamo perseverare. Non è Dio che è diventato sordo alle nostre preghiere. La nostra preghiera non dev’essere stata abbastanza profonda, pura, appassionata e umile.
La preghiera di supplica apre il nostro cuore rivelando delle grazie dentro di noi e in questo mondo. Dio può fare tutto da Sé, ma preferisce operare insieme a noi, attraverso di noi e soprattutto mediante le nostre preghiere.

Fr. Alain Bandelier

Tags:
diodomande
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni