Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconStorie
line break icon

250.000 bambini sono stati salvati dalle strade di New York da queste donne sante (FOTO)

NEW YORK CITY;FOUNDLING;JAMAAL

Courtesy of the Bruno Family

Jeffrey Bruno - pubblicato il 07/10/19

Le Suore della Carità di New York celebrano il 150° anniversario del New York Foundling Hospital

I ricordi d’infanzia sono in genere pochi e rari, ma ce ne sono alcuni che ci restano impressi in modo indelebile. Non sono sempre estremamente significativi o legati a qualche trauma che abbiamo subìto. Spesso non c’è un motivo apparente per cui ricordiamo determinate cose, ma quei ricordi non ci abbandonano.

In una calda giornata primaverile del 1973 sedevo con i miei genitori in una stanza cupa da qualche parte a New York City. All’estremo della stanza si è aperta una porta, ed è entrata una manciata di bambini, accompagnati dal rumore e dal disordine che i piccoli sanno portare. I miei genitori avevano deciso di scegliere il primo bambino che fosse entrato nella stanza, un piccolino di due anni e mezzo nero/portoricano di nome Vincent. È questo che ho ricordato quando ho saputo che il New York Foundling Hospital avrebbe celebrato quest’anno il suo 150° anniversario.

Quando suor Mary Irene e le sue consorelle decisero di lavorare riscattando gli orfani dalle strade di una New York post-guerra civile, nel 1869, iniziarono un’opera di carità e misericordia il cui impatto avrebbe avuto un lungo futuro.

Iniziò tutto una sera di ottobre in cui suor Mary Irene mise una piccola culla di vimini sulla porta della casa che avevano affittato al 17 East 12th Street con un cartello che diceva: “Si sappia in lungo e in largo, non abbandonate i vostri bambini, portateli da me”. Le suore vennero presto svegliate da una bambina che piangeva. Si chiamava Sara, e un biglietto chiedeva alle religiose di prendersi cura di li. Nelle settimane successive le suore accolsero più di 40 bambini, e divenne evidente che avevano rapidamente bisogno di trovare una strategia per far fronte a questo afflusso massiccio.

Le religiose si organizzarono e affidarono alcuni bambini alle cure di famiglie cattoliche mentre progettavano di trasferirsi dalla casa affollata in cui risiedevano a una più grande al numero 3 di Washington Square. Nei quattro anni successivi accolsero più di 2.500 bambini.

L’aumento dei piccoli affidati alle loro cure promosse la nascita di un solido programma di adozioni e affidamenti, che resta una delle pietre miliari dell’opera del New York Foundling. Col passare degli anni, le suore hanno risposto con grande vigore alle necessità mutevoli delle persone che servivano, aggiungendo servizi come un rifugio per donne con gravidanze a rischio, assistenza sanitaria e formazione genitoriale. Un’innovazione notevole è stata la creazione della “Nursery di Crisi” negli anni Settanta in collaborazione con il dottor V. Fontana, di modo che i genitori che sentivano che stavano perdendo il controllo potessero trovare un luogo in cui lasciare temporaneamente i figli per prendersi un po’ di tempo per calmarsi.

Vincent, che ha cambiato il suo nome in Jamaal, è mio fratello. È uno degli oltre 250.000 bambini passati dal New York Foundling Hospital nel corso degli anni, e ha trovato una casa permanente con una famiglia che gli vuole bene. Siamo cresciuti insieme, col beneficio della mancata somiglianza, che ci ha permesso di giocare un sacco di tiri nei confronti di chi non sospettava certo l’esistenza di una parentela.

  • 1
  • 2
Tags:
new yorkorfanisuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni