Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Mia moglie è in travaglio!” Operatore del 118 aiuta il marito ad improvvisarsi ostetrico

Daniele Asso
Condividi

Un imprevisto parto in casa costringe un padre a vestire i panni di ostetrico grazie alla professionalità di Daniele Asso, in linea dalla centrale operativa. Tutto è andato bene!

La notte di mercoledì 18 settembre sarà ricordata a lungo da una donna in attesa, dal marito e da un operatore del 118 di Genova che hanno condiviso l’esperienza di un imprevisto parto in casa, come racconta Il Secolo XIX.

Qualche ora prima la gestante, alla seconda gravidanza, era stata visitata al San Martino di Genova e rinviata a casa in quanto il parto non appariva prossimo. Rientrata a Recco però il travaglio è diventato molto rapido, tanto che il marito preoccupato ha telefonato al 118, dove un infermiere, Daniele Asso, con grande calma e professionalità è riuscito a gestire l’ansia di moglie e marito, fornendo loro le indicazioni essenziali per affrontare al meglio la situazione. Alla signora Elena ha raccomandato di respirare e spingere quando avvertiva le contrazioni, e al marito di non forzare l’uscita del neonato, e di preoccuparsi di afferrarlo bene al momento dell’espulsione, perché il bimbo sarebbe stato bagnato e viscido con il rischio di poter “cadere di mano”. E poi l’ultima fondamentale indicazione: “Deve solo sostenergli la testa e prenderlo per le spalle”. Poco dopo l’uomo fa sapere all’operatore che vede la testa del figlio, e qualche momento successivo che il bimbo è fuori. Il miracolo della vita è compiuto!

L’infermiere si accerta che siano uscite anche le gambine, e chiede: “il bambino piange?” Al sì di mamma e papà può finalmente tirare un sospiro di sollievo, e rispondere alla domanda della partoriente che gli chiede come si chiama. Al bambino che pesava 3,8 kg alla nascita, sono stati dati tre nomi: Eugenio, Leonardo e Daniele, in onore di chi lo ha aiutato a venire al mondo. Nei giorni successivi il papà si è recato alla centrale operativa del 118 per conoscere chi lo ha “pilotato” a distanza in questa incredibile avventura finita bene, e Daniele ha ricambiato subito dopo andando a trovare la madre e il bambino. I più cari auguri ai genitori che hanno avuto la fortuna di avere al momento giusto un Asso, non nella manica, ma al telefono!

Ecco il servizio di TG2000

https://www.youtube.com/watch?v=SyoHXYOVD2c

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni