Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Papà, mi hai fatto soffrire molto ma oggi voglio perdonarti

MUZYKA
Siddharth Bhogra/Unsplash | CC0
Condividi

Quattro passi per riconciliarsi con la propria storia

di padre Enrique Granados

Qualche giorno fa qualcuno mi ha domandato: “Che succede se stare con mio padre mi danneggia? Come posso onorare la sua paternità se non ci parliamo da anni ed è quasi impossibile riconciliarsi?”

La paternità è un dono di Dio, e come ogni dono implica una responsabilità. Il fatto che stare con il proprio padre danneggi è triste, ma è possibile. Non è facile parlare di un tema doloroso e complesso come questo, anche perché esistono circostanze molto particolari ed è complicato offrire una ricetta generale.

Per questo, oggi darò alcune indicazioni per aiutare a compiere qualche passo nel processo di riconciliazione con nostro padre.

1. Accettate la realtà

DEPRESSED
Shutterstock | Dubova

La prima cosa che direi è che bisogna accettare la realtà. Spesso di fronte a circostanze dolorose o frustranti ci esauriamo, pensando o lamentandoci della nostra realtà o desiderando che le cose fossero diverse. È innanzitutto necessario accettare la situazione, perché lamentarsi e amareggiarsi non risolve il problema, anzi, ne aggiunge un altro a una condizione già difficile di per sé.

2. Identificate la causa del dolore

LSOP,LITTLE SISTERS OF THE POOR
Jeffrey Bruno
Nicole - Postulant "I saw a Sister caring for an elderly priest, a resident, and she would get up and guide him, and I remember thinking that's exactly what a mother does with a little child...it was beautiful..and to see the littleness and humility the sisters lived every single day...I keep discerning and praying about it"

Cercate di individuare in cosa la sua presenza e il suo modo di essere vi hanno danneggiati – cosa dice, come lo dice o magari delle ferite che ha lasciato nel vostro cuore per atteggiamenti che vi hanno ferito e hanno avuto delle conseguenze.

È importante per sapere cosa state affrontando e per dare un nome ai propri sentimenti, alla propria esperienza interiore, vedendo qual è la virtù o l’atteggiamento che si può mettere in pratica per lottare contro la situazione.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni