Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Papà, mi hai fatto soffrire molto ma oggi voglio perdonarti

MUZYKA

Siddharth Bhogra/Unsplash | CC0

Catholic Link - pubblicato il 02/10/19

Quattro passi per riconciliarsi con la propria storia

di padre Enrique Granados

Qualche giorno fa qualcuno mi ha domandato: “Che succede se stare con mio padre mi danneggia? Come posso onorare la sua paternità se non ci parliamo da anni ed è quasi impossibile riconciliarsi?”

La paternità è un dono di Dio, e come ogni dono implica una responsabilità. Il fatto che stare con il proprio padre danneggi è triste, ma è possibile. Non è facile parlare di un tema doloroso e complesso come questo, anche perché esistono circostanze molto particolari ed è complicato offrire una ricetta generale.

Per questo, oggi darò alcune indicazioni per aiutare a compiere qualche passo nel processo di riconciliazione con nostro padre.

1. Accettate la realtà

DEPRESSED
Shutterstock | Dubova

La prima cosa che direi è che bisogna accettare la realtà. Spesso di fronte a circostanze dolorose o frustranti ci esauriamo, pensando o lamentandoci della nostra realtà o desiderando che le cose fossero diverse. È innanzitutto necessario accettare la situazione, perché lamentarsi e amareggiarsi non risolve il problema, anzi, ne aggiunge un altro a una condizione già difficile di per sé.

2. Identificate la causa del dolore

LSOP,LITTLE SISTERS OF THE POOR
Jeffrey Bruno

Nicole - Postulant "I saw a Sister caring for an elderly priest, a resident, and she would get up and guide him, and I remember thinking that's exactly what a mother does with a little child...it was beautiful..and to see the littleness and humility the sisters lived every single day...I keep discerning and praying about it"

Cercate di individuare in cosa la sua presenza e il suo modo di essere vi hanno danneggiati – cosa dice, come lo dice o magari delle ferite che ha lasciato nel vostro cuore per atteggiamenti che vi hanno ferito e hanno avuto delle conseguenze.

È importante per sapere cosa state affrontando e per dare un nome ai propri sentimenti, alla propria esperienza interiore, vedendo qual è la virtù o l’atteggiamento che si può mettere in pratica per lottare contro la situazione.

3. Non alimentate rancori

Jak przebaczyć rodzicom?

Il passo successivo è non alimentare risentimenti o rancori. Può essere che manteniate una sana distanza, che evitiate circostanze che possono risultare dolorose o che in questo momento non siate pronti a vederlo. L’idea è quella di camminare verso una situazione di guarigione interiore, in cui magari riuscirete a vederlo e a non provare tutto quello che vi danneggia e influisce tanto su di voi.

Se non fate che ripetere cose o idee negative sarà molto difficile poter guarire. Non farete altro che infettare la ferita, già di per sé profonda e dolorosa.

C’è una frase che mi hanno detto una volta e che ripeto sempre: “Il risentimento e il rancore sono l’affare peggiore. Non vinciamo niente, perdiamo sempre”. Perché sarà il vostro cuore a uscirne danneggiato, mentre l’altra persona non si accorgerà nemmeno della questione.

4. Riempitevi di forza per andare avanti

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA

E allora qual è la via da seguire? Quella del perdono, e non sappiamo quanto ci vorrà, perché dipende da come il vostro cuore si ricomporrà e si riconcilierà davanti alla ferita. Ciascuno ha il proprio iter e i propri tempi.

Non bisogna dimenticare che stiamo parlando di una realtà per la quale abbiamo bisogno dell’aiuto divino, perché il perdono profondo viene come una grazia dall’alto, ma ciascuno deve disporsi a riceverla. Il perdono che porta la pace è quello che spezza gli anelli di una catena interminabile di sofferenze che alla fine schiavizzano e non aiutano ad andare avanti nella vita.

È anche importante vedere quanto la situazione ha ferito il proprio cuore, per poter lavorare con l’aiuto di un direttore spirituale. In certi casi occorre anche un buon lavoro psicologico, per guarire le ferite e avanzare verso una riconciliazione reale e profonda.

Spero che questi consigli vi servano per riconciliarvi non solo con vostro padre, ma anche con qualsiasi altro membro della vostra famiglia o amico, per poter perdonare di cuore e vivere in pace.

Tags:
educazionepadresofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni