Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Due medici santi assistevano i poveri gratis, ma chiedevano qualcosa di sorprendente

COSMAS AND DAMIAN
Condividi

Chi erano i Santi Cosma e Damiano, gemelli martirizzati per Cristo e diventati patroni dei medici?

I Santi Cosma e Damiano erano fratelli gemelli diventati martiri in nome di Cristo. Insieme all’evangelista San Luca sono venerati come patroni dei medici. Tutti e tre erano infatti medici.

Nati a Aegeae, attualmente chiamata Yumurtalık, in Turchia, avevano altri tre fratelli: Antimo, Leonzio ed Euprepio. Anche il padre era stato martire durante una delle persecuzioni dei cristiani promosse dall’imperatore Diocleziano. La madre, Teodata, è venerata come santa nella Chiesa ortodossa.

I gemelli studiarono Scienze in Siria, dove si formarono anche nella medicina. Esercitavano la professione a Aegeae, dove raggiunsero una grande reputazione perché curavano i malati non solo con le loro conoscenze, ma anche attraverso miracoli promossi dalle loro preghiere.

Il popolo orientale definiva Cosma e Damiano “persone che non chiedevano niente”, visto che assistevano i malati poveri senza volere alcun pagamento. Anziché esigere denaro, facevano una richiesta che sorprendeva molti: chiedevano che i pazienti permettessero loro di parlare un po’ di Gesù Cristo.

Questa pratica, però, iniziò a infastidire il governatore della Cilicia, Lisia, che provò a farli smettere di predicare il Vangelo. Non ci riuscì. Vedendo che perseveravano nella testimonianza della loro fede li fece gettare in mare, ma un’enorme onda li rigettò sulla spiaggia sani e salvi. Lisia ordinò poi che i gemelli venissero bruciati vivi, ma le fiamme, anziché toccarli, si volsero contro gli aguzzini pagani che li torturavano.

I fratelli medici furono infine decapitati, abbracciando eroicamente il martirio in nome di Gesù Cristo.

Accanto alla loro tomba iniziarono a verificarsi guarigioni miracolose che beneficiarono perfino l’imperatore Giustiniano di Costantinopoli. Dopo essere ricorso ai due martiri, questi si vide inspiegabilmente guarito da una grave malattia che i medici non erano riusciti a curare.

La festa liturgica dei Santi Cosma e Damiano viene celebrata dalla Chiesa il 26 settembre.

Cosma e Damiano
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni