Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconFor Her
line break icon

Mia nonna è morta da 30 anni, penso a lei ogni giorno: mai avrebbe chiesto di essere uccisa!

elderly woman portrait

By Galushko Sergey/Shutterstock

Rachele Sagramoso - pubblicato il 24/09/19

Non abbandoniamo i sofferenti. Non abbandoniamo i malati. No all'eutanasia.

La mia dolce nonnina si ammalò quando avevo dieci anni. Il medico si accorse che era piena di metastasi. Era molto giovane e quando seppi che era malata, per me cadde un mondo. Mio nonno, un mutilato di guerra che se l’era sposata e amata tutta la vita, chiese se potevano guarirla. Gli fu risposto che non c’era nulla da fare. Lui se la tenne in casa e siccome tutti amavano la mia nonna, ci fu una serie di amiche che per tutto il periodo della malattia, si susseguirono per prendersene cura.

I dolori erano lancinanti e lei piangeva spesso, ma quando le amiche le tenevano compagnia, lei rifioriva. Una suora di un ordine che si occupa di malati terminali, Suor Soledad, persona abituata alle morti, lo spiegò chiaramente: le persone soffrono perché sono sole, abbandonate, impaurite. E perché, per tutta la vita, hanno pensato che dopo la morte non ci sia più nulla. Mio nonno guardava negli occhi la sua amata, la baciava, l’accarezzava e non la lasciava mai. Quel giorno arrivò e fu Suor Soledad a dire che era finita. L’espressione della mia nonna morta, tra l’amore dei figli e quella del marito, fu quella di una persona che, serenamente, si addormenta tra le coperte rincalzate amorevolmente. Mio nonno s’innamorò talmente di quel viso liscio e abbandonato, che ne fece un dipinto bellissimo.




Leggi anche:
Dona morte santa

Sono certa che mai avrebbe chiesto di essere uccisa, mia nonna, anche solo per l’amore che stava ricevendo da amiche e conoscenti che si susseguivano a parlare con lei, a confortarla, a pregare e persino a ridere. È la solitudine che fa la sofferenza. E la cultura ci vuole sterili e soli, così da richiedere di morire perché nessuno ci ama e ci conforta. Tutti parlano di love, ma è un love cretino e pieno di pailettes luccicanti che prima o poi si staccano una ad una, quando sopraggiunge sofferenza. E allora avremo le persone con le quali avremo intrecciato relazioni d’affetto, che si prenderanno cura di noi, nella gioia e nel dolore. Capovolgiamo questo mondo triste ed edonista, ritorniamo al conforto e alla misericordia. Al vero amore, senza arcobaleni scemi e luccichii penosi.

La mia nonna è morta da trent’anni, ma ogni giorno la penso, il nostro legame è eterno grazie al suo amore. Quello vero e puro. Tanto che una mia figlia si chiama come lei.
Non abbandoniamo i sofferenti.
Non abbandoniamo i malati.
No all’eutanasia.


eutanásia

Leggi anche:
L’eutanasia è solo inganno: nessuno è libero, né all’inizio né alla fine, fino a che non è liberato

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA RACHELE SAGRAMOSO

Tags:
eutanasiamalattianonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni