Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mia nonna è morta da 30 anni, penso a lei ogni giorno: mai avrebbe chiesto di essere uccisa!

elderly woman portrait
By Galushko Sergey/Shutterstock
Condividi

Non abbandoniamo i sofferenti. Non abbandoniamo i malati. No all’eutanasia.

La mia dolce nonnina si ammalò quando avevo dieci anni. Il medico si accorse che era piena di metastasi. Era molto giovane e quando seppi che era malata, per me cadde un mondo. Mio nonno, un mutilato di guerra che se l’era sposata e amata tutta la vita, chiese se potevano guarirla. Gli fu risposto che non c’era nulla da fare. Lui se la tenne in casa e siccome tutti amavano la mia nonna, ci fu una serie di amiche che per tutto il periodo della malattia, si susseguirono per prendersene cura.

I dolori erano lancinanti e lei piangeva spesso, ma quando le amiche le tenevano compagnia, lei rifioriva. Una suora di un ordine che si occupa di malati terminali, Suor Soledad, persona abituata alle morti, lo spiegò chiaramente: le persone soffrono perché sono sole, abbandonate, impaurite. E perché, per tutta la vita, hanno pensato che dopo la morte non ci sia più nulla. Mio nonno guardava negli occhi la sua amata, la baciava, l’accarezzava e non la lasciava mai. Quel giorno arrivò e fu Suor Soledad a dire che era finita. L’espressione della mia nonna morta, tra l’amore dei figli e quella del marito, fu quella di una persona che, serenamente, si addormenta tra le coperte rincalzate amorevolmente. Mio nonno s’innamorò talmente di quel viso liscio e abbandonato, che ne fece un dipinto bellissimo.

Leggi anche: Dona morte santa

Sono certa che mai avrebbe chiesto di essere uccisa, mia nonna, anche solo per l’amore che stava ricevendo da amiche e conoscenti che si susseguivano a parlare con lei, a confortarla, a pregare e persino a ridere. È la solitudine che fa la sofferenza. E la cultura ci vuole sterili e soli, così da richiedere di morire perché nessuno ci ama e ci conforta. Tutti parlano di love, ma è un love cretino e pieno di pailettes luccicanti che prima o poi si staccano una ad una, quando sopraggiunge sofferenza. E allora avremo le persone con le quali avremo intrecciato relazioni d’affetto, che si prenderanno cura di noi, nella gioia e nel dolore. Capovolgiamo questo mondo triste ed edonista, ritorniamo al conforto e alla misericordia. Al vero amore, senza arcobaleni scemi e luccichii penosi.

La mia nonna è morta da trent’anni, ma ogni giorno la penso, il nostro legame è eterno grazie al suo amore. Quello vero e puro. Tanto che una mia figlia si chiama come lei.
Non abbandoniamo i sofferenti.
Non abbandoniamo i malati.
No all’eutanasia.

Leggi anche: L’eutanasia è solo inganno: nessuno è libero, né all’inizio né alla fine, fino a che non è liberato

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA RACHELE SAGRAMOSO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.