Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In preghiera per Padre Pio e poi a messa con Papa Francesco: compleanno di fede per Andrea Bocelli

Aleteia
Condividi

Il tenore, in Italia per i suoi 61anni, fa due tappe nel segno del Signore…e della musica!

Prima da San Pio, per rinnovare la sua devozione al santo delle stimmate. Poi da Papa Francesco per vivere con lui un momento di preghiera e spiritualità.

Il 61esimo compleanno Andrea Bocelli lo ha trascorso in Italia nel segno della fede e delle…improvvisate musicali.

ANDREA BOCELLI
Fabio Diena / Shutterstock

La sorpresa a San Giovanni Rotondo

Bocelli, infatti, è stato a sorpresa a San Giovanni Rotondo per festeggiare il suo 61esimo compleanno (è nato il 21 settembre 1958) da Padre Pio. Una visita non programmata, improvvisa, che si è arricchita di un dono che il celebre tenore ha voluto fare ai presenti al santuario.

Infatti ha cantato a sorpresa durante la messa celebrata da monsignor Nunzio Galantino a San Giovanni Rotondo, in occasione delle celebrazioni per la novena e la commemorazione della morte di san Pio da Pietrelcina, avvenuta nella notte fra il 22 e il 23 settembre 1968.

Le tre canzoni

Coroncina del rosario al collo, Bocelli a margine della messa ha intonato tre brani: Panis angelicus, poi l’Ave Maria e infine Mamma, ricordando il grande legame fra padre Pio e la Madonna “mammina”, come la chiamava lui.

«Padre Pio – ha detto Bocelli – ogni volta che ascoltava questa canzone si commuoveva sempre» (www.padrepio.it, 23 settembre).

Leggi anche: Il toccante duetto di Andrea Bocelli con il figlio (VIDEO)

L’amico tenore

Il cantante ha poi ricordato che il suo “collega”, il tenore Beniamino Gigli, in vita conobbe il frate con le stimmate e ne fu molto affascinato. «Gigli non c’è più e padre Pio – ha scherzato Bocelli – dovrà accontentarsi di me» (video.corrierealpi.it, 23 settembre).

Bocelli mancava a San Giovanni Rotondo dal 2000 quando ad un anno dalla beatificazione di Padre Pio cantò in onore del Santo frate cappuccino. Prima della Santa Messa ha sostato in preghiera dinanzi al corpo di Padre Pio per qualche minuto.

Leggi anche: Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio per arrivare al Padre”

La “fumata bianca”

Il 24 settembre, invece, il tenore ha partecipato alla visita di Papa Francesco alla “Cittadella del Cielo” della “Comunità Nuovi Orizzonti”, a Frosinone.

Bocelli si è rivolto così a Francesco: «Santo Padre, le sue prime parole dopo la fumata bianca furono ‘Pregate per me’, non so perché ma piansi parecchio quella sera. E di nuovo questa mattina». Poi sorridendo, ha aggiunto: «C’era qualcosa di profetico in quelle parole, quando mi viene da lamentarmi per la mia vita penso alla sua!».

Da tempo il tenore ha sposato il progetto della Comunità fondata da Chiara Amirante: è un “Cavaliere della Luce” di Nuovi Orizzonti, «perché – ha chiosato – amo la verità e ho deciso di essere sempre in prima fila nel portarla agli altri, se ci riuscirò» (Avvenire, 24 settembre).

Leggi anche: «La vita senza fede? Una tragedia annunciata». Andrea Bocelli si confida

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.