Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ho bisogno di essere amato, come i volti che incontro al Bambino Gesù

KIDS IN HOSPITAL
By Mama Belle and the kids - Shutterstock
Condividi

Che senso ha andare in un luogo abitato da tanto dolore innocente? La testimonianza di un seminarista che trascorre ogni sabato in compagnia delle famiglie dei pazienti dell’Ospedale romano.

di Ignanzio Beghi

Da due anni, insieme ad altri seminaristi, trascorriamo il sabato pomeriggio all’ospedale romano Bambino Gesù. All’inizio dello scorso anno, abbiamo conosciuto Mario e Lucia, genitori di Michele [i nomi sono di fantasia]. Il ricovero di Michele si protrae a lungo, così, nei mesi successivi, cominciamo a frequentarci e a diventare amici. Lucia ci racconta che il bambino, per le imprevedibili complicazioni di una malattia banale, è finito in coma irreversibile a quattro anni. Il dolore e la tristezza dei genitori sono profondi. La loro situazione, simile a quella di molte altre famiglie che incontriamo, ci ferisce e ci interroga. Che senso ha andare in un luogo abitato da tanto dolore innocente? Cosa portiamo? Possiamo offrire solo una compagnia e condividere un po’ della nostra vita con la loro, come ci ha insegnato don Giussani. Non sarà inutile?

Leggi anche: “Come una spugna, mi sono imbevuto di speranza nella trincea di dolore e amore del Bambino Gesù”

Qualche settimana fa, arrivando in ospedale, vediamo Lucia che accompagna in camera Michele sulla carrozzina. “Dove siete stati?” domando loro. “Abbiamo accompagnato Anna [un’altra piccola paziente, ndr] in terapia intensiva. Era tanto spaventata all’idea di cambiare reparto. Anche se è molto piccola, capisce che qualcosa non va. Allora sono andata con Michele a salutarla e a dirle che la aspettiamo quando starà meglio e tornerà”. Dopo qualche minuto, Lucia è di nuovo in corsia a giocare con Ester, una bambina di pochi mesi affetta da sindrome di Down. I genitori l’hanno abbandonata in ospedale. Così Lucia, insieme a Mario, divide il suo tempo tra l’assistenza al figlio e le premure a questa bambina. Gesti di pura gratuità, un’attenzione che pare insolita da parte di chi potrebbe vantare il diritto di essere ripiegato sul proprio dolore. Questo fatto illumina ciò che leggiamo ogni sabato, ne Il senso della caritativa: «La legge suprema del nostro essere è condividere l’essere degli altri». È una frase di don Giussani così vera che chiunque può sperimentarla. Ma sono io il primo ad avere bisogno di scoprirla di nuovo ogni volta. Il bisogno di amare ed essere amato è la verità di me che devo affermare ogni giorno. Andare in caritativa mi educa all’autenticità del mio essere.

Leggi anche: David Buggi: a 18 anni morì offrendo la sua sofferenza per tutti i giovani

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.