Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quali sono le mancanze gravi nei confronti del primo comandamento?

WOMAN,PRAYING,NATURE
Fantom_rd | Shutterstock
Condividi

Mettere Dio al secondo posto nella vita, dopo il denaro, ad esempio, è una di queste

I comandamenti di Dio iniziano dicendo “Amerai Dio al di sopra di tutto”. Il primo comandamento si riferisce all’amore di Dio, e Gesù lo ha riassunto in questo modo: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente” (Matteo 22, 37). Sono parole che derivano dall’Antico Testamento: “Ascolta, Israele: il Signore, il nostro Dio, è l’unico Signore” (Deuteronomio 6, 4).

Il primo comandamento, “Amare Dio al di sopra di tutte le cose”, condanna il politeismo (cioè il fatto di avere più dèi), e ogni forma di idolatria, ovvero adorare altri dèi.

Ma cos’è l’idolatria? È tutto ciò che nel nostro cuore occupa il posto di Dio. Il primo comandamento è contrario al fatto di porre altri dèi al posto di Dio. Adorare Dio, pregarlo, offrirgli il culto che gli è dovuto e mantenere le promesse fa parte del primo comandamento.

Ma quali sono le mancanze gravi contro il primo comandamento? La superstizione è uno degli esempi. “Non passo sotto la scala perché porta sfortuna”, “Uso un nastro rosso per avere fortuna”. Ma in che misura questo offende Dio? La risposta è: o crediamo che sia Dio, nostro unico Signore, o no.

Attualmente viviamo la fase peggiore dell’ateismo, soprattutto in famiglia. Resto perplesso vedendo nonni, genitori e figli che stanno diventando atei. E non stiamo parlando di una negazione diretta di Dio, perché ogni negazione è un’affermazione. Parlo dell’indifferenza. E l’indifferenza religiosa è la forma peggiore di ateismo.

Ad esempio, l’indifferenza nell’andare in chiesa, nella preghiera, nella devozione, l’indifferenza su quello che è l’Eucaristia. Sono angosciato, perché tanti bambini e adolescenti non hanno fatto la Prima Comunione e la Cresima. I figli non vanno più a catechismo. E questa indifferenza è una forma di ateismo. Una mancanza grave contro il primo comandamento.

Anche magia, spiritismo, idolatria e simonia (commercio di funzioni sacre – voler comprare la grazia di Dio) sono mancanze gravi contro il primo comandamento, come la blasfemia nei confronti di Dio e dei santi.

Tentare Dio, ricorrere a Satana e ai demoni per scoprire il futuro, consultare l’oroscopo, la negromanzia, l’invocazione dei morti, le messe nere, i cartomanti, l’interpretazione della sorte, il ricorso ai medium… Tutto questo nasconde una volontà di potere sul tempo, sulla storia e sulla Provvidenza di Dio.

Troviamo quello che la Bibbia chiama occultismo in questi testi: Levitico 19, 31; Deuteronomio 3, 19; e Prima Lettera ai Corinzi 10, 12-13.

Anche la stregoneria ferisce il fatto di “Amare Dio al di sopra di tutte le cose”. Parliamo di persone che vogliono addomesticare i poteri occulti. La superstizione è la deviazione del sentimento religioso. È credere, ad esempio, nella sorte. “Vado a Messa, ma dentro casa devo avere un ferro di cavallo, o un quadrifoglio. Sono cattolico ma credo agli amuleti”.

Nella Prima Lettera ai Corinzi 10, 19-22 si legge:

“Che cosa sto dicendo? Che la carne sacrificata agli idoli sia qualcosa? Che un idolo sia qualcosa? Tutt’altro; io dico che le carni che i pagani sacrificano, le sacrificano ai demòni e non a Dio; ora io non voglio che abbiate comunione con i demòni. Voi non potete bere il calice del Signore e il calice dei demòni; voi non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei demòni. O vogliamo forse provocare il Signore a gelosia? Siamo noi più forti di lui?”

In questo testo e in altri successivi si parla di come superare l’idolatria, la pratica pagana.

L’azione di tentare Dio consiste nel mettere alla prova, con parole o azioni, la bontà e l’onnipotenza. Il peccato grave nei confronti del primo comandamento è mettere Dio al secondo posto come fanno molti: il denaro al primo posto, poi Dio. Chi ama Dio compie i suoi comandamenti e la sua volontà.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.