Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il drago sepolto sotto una chiesa medievale a Roma

DRAGON
Shutterstock
Condividi

Uccideva tutti coloro che si avvicinavano al luogo in cui viveva, ma Papa Silvestro I lo trasformò in un animale mansueto

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

A Roma non c’è luogo che non nasconda qualche leggenda, misto, storia o curiosità. Quella che vi racconterò ora è una delle leggende più antiche della “Città Eterna”, e ha a che vedere con un santo e un drago.

Si dice che nel IV secolo d.C. vivesse in una caverna del monte Palatino un terribile drago, che con il suo alito uccideva chiunque gli passasse vicino per poi divorarlo. Stanchi, gli abitanti del luogo decisero di chiedere aiuto a Papa Silvestro I, che già in precedenza si era incaricato del caso di una bestia simile a Poggio Catino.

Il santo Pontefice, vedendo che si trattava di un compito arduo, decise di chiedere consiglio ai santi Pietro e Paolo. Su consiglio dei santi si diresse alla grotta del mostro totalmente disarmato, solo con un crocifisso in mano, invocando l’aiuto della Vergine Maria.

Leggi anche: L’arancio miracoloso di San Domenico a Roma

Il drago divenne subito così mansueto che il Papa riuscì a legarlo con un filo della sua tunica e lo portò alla presenza dei fedeli perché lo uccidessero.

Molti sacerdoti pagani, colpiti dall’evento, si convertirono al cristianesimo.

L’enorme corpo venne poi trascinato al Foro Romano fino al tempio di Castore e Polluce, di cui restano ancora tre eleganti colonne corinzie, e venne sepolto in quel luogo.

Secondo la tradizione il Pontefice, per ringraziare la Vergine che lo aveva protetto, avrebbe dato ordine di costruire una chiesa approfittando di alcuni ambienti di un edificio imperiale dell’epoca di Domiziano.

Purtroppo durante il pontificato di Leone IV (847-855) la chiesa venne abbandonata dopo i danni subiti a seguito di un terribile terremoto. Per questo, Leone IV fece costruire non molto lontano la chiesa di Santa Maria Nuova (attuale basilica di Santa Francesca Romana), utilizzando parte delle rovine del tempio di Venere e Roma. In quel punto si trovava una cappella che commemorava la caduta di Simon Mago.

Più tardi, nell’area di Santa Maria Antiqua venne costruita un’altra chiesa chiamata Santa Maria Liberatrice, o “Sancta Maria libera nos a poenis inferni”.

Santa Maria Antiqua è definita la Cappella Sistina del Palatino, ed è uno dei luoghi di culto cattolici e bizantini più antichi dedicati alla Vergine.

Col tempo sono venute alla luce importanti opere nei resti delle mura, come la rappresentazione di Maria Regina sul trono con il Bambino Gesù, con lo stile di un’imperatrice di Bisanzio. Al suo fianco c’è la straordinaria figura di un angelo, chiamato Angelo Bello per la sua avvenenza, che Giotto avrebbe preso come modello nelle sue opere.

Leggi anche: Quando il Papa fece un esorcismo al Pantheon…

La chiesa possiede anche la più antica rappresentazione della Vergine Maria come Regina dei Cieli, risalente al VI secolo.

Dal 2016 può essere visitata grazie a un laborioso programma di restauro da parte della Sovrintendenza italiana per il Patrimonio Storico e della World Monuments Fund. I suoi ricchi affreschi hanno permesso di conoscere le prime tappe dell’arte medievale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.