Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

E voi, care donne, lasciate caricare la lavastoviglie alle amiche?

By pikselstock/Shutterstock
Condividi

Noi donne abbiamo una certa difficoltà a lasciare usare la lavastoviglie a qualcun altro. Eppure se imparassimo a farlo romperemmo con il perfezionismo e con la mania di volere tutto come diciamo noi.

di Anita Baldisserotto

Se siamo amiche mi lasci fare la tua lavastoviglie?
Vi sembrerà strano ma ora vi racconto: ho notato che le donne hanno una certa difficoltà a lasciare usare la propria lavastoviglie a qualcun altro (con un’amica ci ho messo un anno e con un’altra due a far mollare loro il controllo dell’elettrodomestico fondamentale in cucina).

Forse perché i piatti sporchi creano un po’ di imbarazzo o perché ognuna ha uno schema implicito preciso di disposizione delle stoviglie nei cestelli (ce l’avete anche voi vero?) maturato in anni di utilizzo e vorremmo fosse rispettato. Provate a immaginare un bicchiere messo fuori posto: vi dà la sensazione di “error” sul computer?

Ok mi ricordo bene il primo lavaggio che ho fatto in cui ho messo un programma a temperatura troppo alta che ha fuso i contenitori di plastica dell’Ikea quelli tipo Tupperware con odore terribile di plastica bruciata quando l’ho aperta – ma ne ho fatta di strada da allora e mi ritengo una specialista (o quasi). Sì perché mi sono sposata a 23 anni che non sapevo fare i lavori di casa e ne ero anche spaventata – i piatti sporchi in particolare mi davano repulsione – ma ho visto che nel tempo si fa la mano, ci si abitua e si va più veloci: lo ammetto guardo una miriade di video tutorial su Youtube di donne che lavano la casa (clean with me – danno tanta motivazione) ma ho anche chiesto tanto consiglio a mia mamma in primis (mamma sei una casalinga top)!

Leggi anche: “Professione?” mi chiede. “Casalinga” rispondo. “Ah, quindi è disoccupata!”

Così niente mi diverto a imparare gli schemi di impilamento delle lavastoviglie delle mie amiche (non tutte ce l’hanno ma molte sì), ma soprattutto a rompere quel perfezionismo che si instaura nei lavori di casa: lasciando fare agli altri accetteremo che non farà tutto come vogliamo noi, e si crea quella confidenza di essere di casa, di cui la lavastoviglie è un punto nevralgico. Vale lo stesso discorso con il lavaggio dei piatti a mano (ma solo con le amiche lo farei eh non sono così altruista e non mi stanno simpatici tutti).

E voi lasciate fare la lavastoviglie ad altri?

Anita Baldisserotto

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA ANITA BALDISSEROTTO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.