Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gesù non è mai indifferente al tuo dolore!

woman sleeping at office desk
Di Piti Tangchawalit/Shutterstock
Condividi

E non si limita a considerare le nostre lacrime, ne pone anche un argine. Ci dice che ciò che ci fa soffrire non sarà per sempre!

In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla.
Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei.
Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre.
Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante. (Luca 7,11-17)

Mi è capitato, durante una sosta in terra santa, di visitare la piccola cittadina di Nain. È difficile dire cosa di quel villaggio o di quel territorio fosse simile ai tempi di Gesù. Ma non è la geografia la cosa che conta, ma la storia che attraversa quel villaggio. È una storia di immensa sofferenza: una donna perde prima il proprio marito e poi è costretta ad assistere alla morte del figlio unico. Lo sta portando al cimitero, e proprio in quel momento i suoi passi si incrociano con quelli di Gesù: “Vedendola, il Signore ne ebbe compassione e le disse: «Non piangere!»”. È irresistibile per Lui vedere il dolore di quella donna e continuare nell’indifferenza. È una verità che non dobbiamo mai dimenticare: Gesù non è mai indifferente al nostro dolore, alle nostre lacrime. E se anche questo non risolve lo scandalo del male, ne ci dice perché Egli lo permetta, la cosa che non dobbiamo mai tralasciare è la costante certezza che lì dove c’è qualcuno che soffre, Cristo è lì. Non è una semplice consolazione in assenza di soluzioni, ma è il punto di partenza di ogni vera soluzione. Dio non si limita a considerare le nostre lacrime, ne pone anche un argine. Ci dice che ciò che ci fa soffrire non sarà per sempre. Ecco perché dice a quella donna “non piangere”. “E accostatosi toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Giovinetto, dico a te, alzati!». Il morto si levò a sedere e incominciò a parlare. Ed egli lo diede alla madre”. Il racconto di un singolo fatto accaduto nella cittadina di Nain ha un grande valore simbolico. Infatti anche per noi l’incontro con Cristo è innanzitutto l’incontro con la Sua compassione. Egli soffre con noi, si mette nella situazione di “patire” ciò che noi patiamo. Ma non si limita solo a entrare nella nostra passione, ma pone ad essa anche un argine. Il nostro dolore non sarà per sempre. E proprio per questo verrà un tempo in cui anche a noi sarà riconsegnato in maniera nuova ciò che ci è stato tolto. Il fondale della resurrezione è il grande orizzonte di senso dentro cui anche la Croce assume un significato.
Luca 7,11-17
#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA DON LUIGI MARIA EPICOCO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.