Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sei pronto per una ginnastica estrema? 15 esercizi per allenare l’umiltà

Sunny Studio | Shutterstock
Condividi

San Benedetto come personal trainer ci farà sudare molto, seguiamolo senza remore. Un esempio? Esercizio numero 3: passa un’intera giornata senza correggere nessuno.

Ringrazio Linda per l’input e la traduzione dato che sono 15 suggerimenti estrapolati dal libro in inglese (e io sono una frana) Humility Rules: Saint Benedict’s 12- step Guide to genuine Self-Esteem di Padre Augustine Wetta. Se avete dimestichezza con l’inglese, al termine dell’articolo troverete il link di acquisto.

Umiltà, parola poco utilizzata e spesso travisata; in sintesi l’umile è colui che è essenzialmente una persona modesta e priva di superbia, ovvero che non si ritiene migliore o più importante degli altri. Con i tempi che corrono, dove ci insegnano a primeggiare a dover sempre avere ragione, a non rispettare gli altri, essere umili è una dura lotta. Ma ora passiamo subito al centro di questo post, i 15 suggerimenti con qualche personale riflessione giusto perché la lista della spesa messa cosi non mi piace affatto.

Lascia che qualcuno meno competente di te ti dica cosa fare

Magari proprio quella persona che non ci sta molto simpatica, oppure quel collega saccente e da cui non vorremmo di certo degli insegnamenti. Contate fino a 100 e buttatevi magari chiedendo voi stessi un consiglio.

Leggi anche: Virtù dell’umiltà: campo d’addestramento è la famiglia, Maria la maestra

La prossima volta che qualcuno ti tratta ingiustamente (ti passa davanti in fila, ascolta musica ad alto volume, mangia qualcosa di tuo…) sorridi e ringrazia Dio per lui

La rabbia per questo genere di gesti è quasi automatica, è come se ci fosse un sensore che ci rende di pessimo umore e subito adirati perché ci sembra un’ingiustizia ma dovremmo cercare di andare oltre perché la rabbia oltretutto fa male più a noi stessi che agli altri. Per cui, chiudete gli occhi (cosi nemmeno vedete l’autore del misfatto) e ringraziate il Signore per lui (evitando pensieri poco consoni).

Passa un’intera giornata senza correggere nessuno

Chi? Io?? Difficilissimo!!!!! Com’è possibile non correggere nessuno nell’arco di una giornata, è una cosa normale, naturale. Il marito che sbaglia il ripiano dove mettere il caffè, oppure mette un calzino bianco nel cesto dei colorati… dai!! ma come si fa a non correggere!!! Ecco, si fa silenzio, solo questo. Un bel respiro profondo, e offriamo al Signore questa fatica. Ce la possiamo fare! Per i figli direi che questo punto non è valido, ma possiamo provare a sforzarci di far notare gli errori in modo diverso.

Vi terrò aggiornate in pagina su questo.. 😉

La prossima volta che vuoi esprimere la tua opinione tienila per te

KOBIETA ZAKRYWA USTA
Shutterstock

Pensa ad altro, limitati ad ascoltare e passa oltre.. questo direi che va fatto saltuariamente perché potrebbe creare danni non indifferenti tra le mura domestiche. Sui social è una pratica quotidiana per cui quando vuoi controbattere, chiudi l’applicazione. Scherzi a parte, questo punto l’ho già ignorato scrivendo i commenti ad ogni punto di questo elenco.

Prenditi la colpa per qualcosa che non hai fatto

Fermi tutti!! Questo è colpa mia! Penso che mio marito potrebbe prendermi per pazza, mi proverebbe la febbre e inizierebbe a preoccuparsi. No, non è cosi difficile come sembra, basta dire “è colpa mia!” e cambiare stanza cosi non hai la tentazione di ritrattare. Si parla di cose non gravi, altrimenti si cade nell’ingiustizia e quella non va bene.

Leggi anche: Umorismo cristiano? L’allegra umiltà di chi si riconosce figlio

Ripara qualcosa che non hai rotto o pulisci qualcosa che non hai sporcato


Ci piace vincere facile, questo già noi mamme lo facciamo ogni giorno per cui evito uno sproloquio. Aggiungo solo che potrebbe essere un punto su cui lavorare con i bambini.

Non trovare scuse la prossima volta che vieni rimproverato

Anche in questo caso il trovare scuse è qualcosa di inconscio e automatico per cui , autocontrollo, espiro profondo e silenzio. Anziché parlare, fermiamoci a riflettere per capire cose realmente abbiamo sbagliato con della sana autocritica.

Scegli deliberatamente di camminare (o guidare) dietro a qualcuno più lento di te

Tasto molto ma molto dolente: siamo sempre di corsa, sempre con i minuti contati e dobbiamo impegnarci a stare dietro a qualcuno più lento? Sì! Anche se difficile, ma in questo caso è questione di civiltà e rispetto del codice della strada perché se qualcuno è lento difficilmente stiamo a guardare cartelli e divieti di sorpasso per cui diventa anche pericoloso. (come si suol dire … da che pulpito viene la predica … sì, sono pessima in questo punto!)

CAR
TATJANA SPLICHAL | DRUŽINA

Ringrazia Dio per qualcosa che non sei capace di fare/ qualcosa in cui non sei bravo


Vorremmo avere ogni genere di capacità, vorremmo essere bravi nel fare qualsiasi cosa e quando ciò non avviene rimaniamo delusi, siamo tristi, arrabbiati. Invece dovremmo ringraziare il Signore perché se non sappiamo fare una cosa di certo avremo altre capacità, altri talenti da scoprire magari decisamente più utili e interessanti rispetto a quello che ci ostinavamo a fare.

Leggi anche: “Quando vale la pena fare qualcosa, vale la pena farla male”

Ringrazia la prossima volta che qualcuno ti dice qualcosa che già sai.

“Sì, lo so…”, “Sì, me lo hai già detto…” con annesso sbuffo e tono poco amichevole. “Ok, grazie per avermelo detto” potrebbe essere la frase adatta in queste occasioni ma cercando anche di far corrispondere la frase al viso e al tono della voce 😉 , altrimenti non è valido e pagate penitenza.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.