Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se state soffrendo, recitate questo salmo per ricevere conforto

STRESSED WOMAN
Shutterstock
Condividi

Dio vuole essere con voi, nel vostro dolore, per mostrarvi speranza

Vivendo in un mondo caduto, sperimentiamo ogni giorno la sofferenza. Non è sempre facile affrontarla, soprattutto quando ci porta al limite.

La buona notizia è che non siamo soli. Sia Gesù che Maria hanno sofferto intensamente durante la loro vita terrena, ma sono stati in grado di avere una speranza soprannaturale che li ha aiutati a perseverare. Molti dei salmi illustrano come possa accadere.

A un cristiano non viene detto di reprimere i propri sentimenti, la sofferenza o l’abbandono, ma di parlarne a Dio e di riferirgli tutto ciò che si prova. Più si permette al Signore di entrare nella propria sofferenza, più speranza può donare.

Ecco il Salmo 42, che può aiutare a dare conforto nei momenti di grande sofferenza. È un salmo onesto, che parla del dolore che prova una persona, ma allo stesso tempo mette tutto nelle mani di Dio.

Come la cerva desidera i corsi d’acqua,
così l’anima mia anela a te, o Dio.

L’anima mia è assetata di Dio,
del Dio vivente;
quando verrò e comparirò in presenza di Dio?

Le mie lacrime sono diventate il mio cibo giorno e notte,
mentre mi dicono continuamente:
«Dov’è il tuo Dio?»

Ricordo con profonda commozione il tempo in cui camminavo con la folla
verso la casa di Dio,
tra i canti di gioia e di lode
d’una moltitudine in festa.

Perché ti abbatti, anima mia?
Perché ti agiti in me?
Spera in Dio, perché lo celebrerò ancora;
egli è il mio salvatore e il mio Dio.

L’anima mia è abbattuta in me;
perciò io ripenso a te dal paese del Giordano,
dai monti dell’Ermon, dal monte Misar.

Un abisso chiama un altro abisso al fragore delle tue cascate;
tutte le tue onde e i tuoi flutti sono passati su di me.

Il Signore, di giorno, concedeva la sua grazia,
e io la notte innalzavo cantici per lui
come preghiera al Dio che mi dà vita.
Dirò a Dio, mio difensore: «Perché mi hai dimenticato?
Perché devo andare vestito a lutto per l’oppressione del nemico?»

Le mie ossa sono trafitte
dagli insulti dei miei nemici
che mi dicono continuamente: «Dov’è il tuo Dio?»

Perché ti abbatti, anima mia?
Perché ti agiti in me?
Spera in Dio, perché lo celebrerò ancora;
egli è il mio salvatore e il mio Dio.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni