Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconStile di vita
line break icon

La solitudine può apportare felicità?

SAD,WOMAN,OCEAN

Shutterstock

Talita Rodrigues - pubblicato il 13/09/19

La solitudine è maestra nel ripresentarci Dio

Oggi vorrei scrivere della solitudine e del ruolo importantissimo che ha nella nostra storia.

Sappiamo molto bene che a nessuno piace la solitudine. Corrode il cuore, ci lascia apatici e spesso ci fa interrogare sul senso della vita. La solitudine è grigia. È un tempo nuvoloso, è disperazione e mancanza di tranquillità. La solitudine richiede che usciamo dalla zona di comfort, di affrontare il lato più oscuro della vita e dell’“essere”.

La solitudine è l’unica cosa che resta quando tutto se ne va, quando l’amore finisce, quando i sogni volano lontano e assolutamente tutto quello che progettavamo scompare completamente.

La solitudine ci obbliga a sciogliere i nodi. Ci costringe a riconciliarci con la nostra storia ferita e ad andare coraggiosamente alla ricerca della felicità perduta.

Nonostante la solitudine non ci offra a prima vista nulla di gradevole è una maestra, e ci insegna cosa significa vivere.

La solitudine è uno dei pochi sentimenti che fanno sì che ricorriamo a Dio, perché quando la proviamo nella sua forma più profonda non siamo più autosufficienti. È proprio in quel momento che abbiamo bisogno di qualcuno che sia lì per noi.

La solitudine ci permette di conoscere il vuoto di una vita che potrebbe essere completa, il grigio che la vita ci offre tutti i giorni e la mancanza di una completezza che già possedevamo.

La solitudine è maestra nel ripresentarci Dio, nel far sì che i nostri occhi si volgano al cielo, riconoscendo che la vera gioia viene da Lui. La solitudine ci offre il piacere e il coraggio di avere la fede delle dimensioni di un granello di senape. Fede nel fatto che tutto andrà bene, e che al momento giusto affronteremo nuovamente la vita – e che quando succederà daremo il giusto valore a ogni momento e a ogni miracolo che Dio ci offre.

Dio permette la solitudine, è vero, perché senza di essa non riconosceremmo e non vivremmo mai l’esperienza della vera felicità. Amici miei, quando vivremo e riconosceremo la vera felicità non moriremo più nella vita, vivremo!

Tags:
felicitàsolitudine
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni