Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Svelato il “mistero” del beato Antonio da Fano: ritrovata la bara murata nella chiesa

Condividi

Lo scavo è avvenuto nella chiesa di Santa Maria Nuova, che si trova nel centro storico della città marinara in provincia di Pesaro

Si chiude il “giallo” dell’estate marchigiana. Il beato Antonio da Fano è lì, dove aveva indicato l’ex priore del convento di Santa Maria Nuova, padre Silvano Bracci.

Gli operai della ditta che sta ristrutturando il convento dei frati francescani, situato nel centro storico della città in provincia di Pesaro-Urbino, hanno abbattuto il muro che nascondeva l’intercapedine in cui era stata riposta la bara alla fine degli anni ’50, al tempo di importanti lavori effettuati all’interno della chiesa dall’allora priore padre Francesco Talamonti. E la bara è stata ritrovata al suo posto, adagiata in senso orizzontale su una piana di marmo incastrata tra due muri di sostegno.

Il mistero della sepoltura

Il ritrovamento, avvenuto il 12 settembre, ha destato una grande emozione e ha riportato alla ribalta questo sant’uomo, di cui quasi si era perso il ricordo, dato che il luogo della sua nuova sepoltura era stato esso stesso sepolto tra le carte del progetto di ristrutturazione della chiesa.

Che sia veramente santo o beato non è stato certificato, certo che si tratta di un personaggio ritenuto particolarmente importante e degno di venerazione dall’ordine francescano dei frati minori (Corriere Adriatico, 13 settembre).

Leggi anche: L’impronta di fuoco del Purgatorio: il mistero di Suor Teresa Margherita Gesta

“Segno del cielo”

Dopo la demolizione della parete è stato chiesto l’intervento dell’Azienda Sanitaria, e sono state avvisate le autorità competenti (compresa la magistratura) per seguire tutte le procedure legali necessarie per l’apertura della bara, l’accertamento della presenza del corpo mummificato, gli esami che serviranno a datarne i resti e altre preziose informazioni.

Il superiore dei Frati Minori, Ferdinando Campana, presente alla demolizione del muro, insieme a padre Mandolini, parla di «un segno dal cielo» e non esclude che il beato possa tornare ad essere ospitato all’interno della chiesa: si deciderà in secondo momento dopo le autorizzazioni da parte di tutti gli enti coinvolti (Il Resto del Carlino, 13 settembre).

Leggi anche: Il mistero di Placanica: esiste davvero il corpo di un bimbo murato in chiesa?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.