Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Maurizio
home iconChiesa
line break icon

Perché nella Chiesa cattolica si usano tanto le candele?

DZIECKO W KOŚCIELE

AP/Associated Press/East News

Catholic Link - pubblicato il 12/09/19

di Brenton Cordeiro

Bella domanda, vero? Perché la Chiesa cattolica usa tante candele?

La risposta si ritrova nella tradizione e nella storia della Chiesa. L’utilizzo delle candele è una parte della ricca eredità della fede cattolica. È vero che le candele avevano probabilmente uno scopo pratico nelle liturgie e nei riti prima che l’elettricità diventasse comune, ma l’uso delle candele ha un significato scritturale e teologico ben più profondo.

Cristo, nostra Luce!

Nell’Antico Testamento, l’uso di luci e lampade viene considerato una parte importante dell’adorazione da parte degli ebrei nel Tempio di Gerusalemme. La menorah a sette bracci, infatti, usata all’inizio nel santuario mobile costruito da Mosè mentre gli israeliti erravano nel deserto e in seguito diventata parte integrante dell’adorazione nel Tempio, è oggi uno dei simboli più riconoscibili dell’ebraismo.

Nel suo libro Signs of Life, il dottor Scott Hahn scrive di come gli apostoli vedessero la celebrazione dell’Eucaristia come qualcosa che avveniva in continuità – e in realizzazione – con l’adorazione nel Tempio. Gli apostoli hanno portato nella liturgia cristiana molti aspetti di quello che era in precedenza associato all’adorazione al Tempio, e una delle cose che si sono affermate nelle liturgie cristiane è stata l’uso di luci e lampade. Come sottolinea il dottor Hahn, uno dei primi resoconti di una liturgia cristiana descrive la predicazione di San Paolo in una stanza affollata in cui “c’erano molte lampade” (Atti 20, 8). Sarebbe stato eccessivo avere tante luci nel piccolo ambiente descritto in questo passo, a indicare che le lampade erano parte del rituale e non avevano solo uno scopo pratico.

Alla base dell’utilizzo delle lampade (e delle candele al giorno d’oggi) da parte della Chiesa ci sono le parole di Cristo stesso: “Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” (Giovanni 8, 12).

È per questo che nella Veglia pasquale guardiamo il cero pasquale e proclamiamo “Cristo, nostra luce!”

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
candelechiesa cattolica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni