Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

#BreakTheChains: un sacerdote ispira una rivoluzione anti-porno su Twitter

FATHER CASSIDY STINSON
Condividi

Ha iniziato a pregare ogni giorno per chi lotta per superare la dipendenza dalla pornografia, e la sua intenzione si è diffusa a macchia d'olio

Padre Cassidy Stinson (noto anche come @TheHappyPriest) è un sacerdote ordinato da poco della diocesi di Richmond, Stati Uniti, che ama i social media. Convinto che sia importante costruire la comunità digitale, dedica una considerevole quantità di tempo ed energia alla buona gestione dei profili sociali.

Il 27 luglio ha pubblicato questo tweet:

“Poco dopo la mia ordinazione ho scoperto che questo peccato sarebbe stato una parte particolare del mio ministero come confessore”, ha spiegato il sacerdote. “Per molti giovani la pornografia è un problema importante, ma nessuno ne parla. Il senso di isolamento non fa altro che intensificare le sfide”.

In un’indagine del 2016, il Gruppo Barna ha reso noto che il 64 % dei giovani (trai 13 e i 24 anni) cerca materiale pornografico su Internet una volta o più alla settimana. Per padre Cassidy non è un dato sorprendente. “Nessuno sta parlando di qualcosa di endemico. Se altri peccati presupponessero un problema tanto grande prenderemmo misure maggiori, ma visto che c’è moltissima vergogna legata alla visione della pornografia, nessuno vuole affrontare il tema”.

Il sacerdote ha iniziato a parlarne, o meglio a twittare: “Voglio avviare una conversazione. Internet può essere un luogo per il dialogo”. A suo avviso, “la chiave sta nel considerare l’isolamento e la disperazione in cui cadono le persone. Spero che la gente che scoprirà #BreakTheChains [Spezza le catene] possa vedere che nei social media non è tutto negativo. I social media possono essere un veicolo per la crescità nella santità. La Famiglia Paolina mi ha convinto di questo”.

L’importanza di impiegare i media per diffondere notizie positive e aiutare altri cristani a risollevarsi è stata promossa dal beato Giacomo Alberione, fondatore della Società di San Paolo e delle Figlie di San Paolo. L’ammirazione di padre Cassidy nei confronti di Alberione e la Famiglia Paolina lo hanno portato a coinvolgersi sempre di più nell’evangelizzazione attraverso i mezzi di comunicazione e i social media.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.