Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un famoso calciatore diventa caporedattore della rivista cattolica “Jesus”

Condividi

Scelta sorprendente di Olivier Giroud, campione del mondo in carica con la Francia: voglio raccontare la mia fede e il mio impegno con Gesù Cristo

Campione del Mondo in carica con la Francia, vincitore dell’ultima Europa League con il Chelsea e ora anche caporedattore di una rivista. È il nuovo titolo che Olivier Giroud ha deciso di mettere in bacheca.

L’attaccante francese sarà infatti il volto di settembre della rivista religiosa ‘Jesus‘, per la quale ricoprirà appunto anche il ruolo speciale di caporedattore per un mese. Una scelta che l’ex Arsenal ha fatto in quanto uomo di chiesa (Goal.com, 10 settembre).

“33 anni, l’età di Cristo”

Il centravanti francese del Chelsea presterà il proprio volto alla copertina della rivista, che sarà accompagnata dalla scritta “33 anni, l’età di Cristo“. Si tratta di un riferimento al compleanno del calciatore di Chambery del prossimo 30 settembre.

“Ecco perché ho accettato”

In un’intervista rilasciata a Le Figaro (6 settembre), Giroud ha spiegato questa iniziativa. Parlare a cuore aperto della propria religiosità è l’obiettivo.

«Appena posso, cerco di parlare della mia fede. Sento che dovrei usare i miei social media per parlare della mia fede e del mio impegno con Gesù Cristo. Ecco perché ho accettato di essere redattore di una rivista chiamata ‘Jesus’ che esce a metà settembre. È un argomento eccezionale, non solo perché ne sto parlando. Quando oggi nel calcio vedo che si parla di striscioni omofobi e razzismo, mi fa venire voglia di prendere una posizione per dire di dare un freno a tutto ciò».

Galà per i cristiani perseguitati

Questa con la rivista religiosa non è però l’unica iniziativa di questo genere alla quale il giocatore transalpino ha preso parte negli ultimi mesi visto che ha raccontato come «di recente abbiamo organizzato un galà a Londra per i cristiani perseguitati nel mondo ed è andato molto bene» (calcio.fanpage.it, 8 settembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.