Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il tennista che non ha chiesto a Dio “Perché proprio io?”

ARTHUR ASHE
Condividi

“Semplicemente a volte ci sono cose che non si possono spiegare, soprattutto quelle negative”

Se avete visto qualcuna delle partite degli U.S. Open, il nome di Arthur Ashe vi suonerà sicuramente familiare. È il nome dello stadio principale, che prende il nome dal celebre tennista.

Ashe, nato nel 1943, è stato il primo giocatore afroamericano (uomo) ad aver vinto gli Open statunitensi (1968), gli Open d’Australia (1970) e Wimbledon (1975) nel singolo.

Lo ha poi fatto in un’epoca in cui il razzismo aveva raggiunto l’apice a livello mondiale e il tennis era considerato uno “sport bianco”. Ashe, però, non temeva di coinvolgersi, né di usare la sua esposizione pubblica per effettuare denunce, come quella contro l’apartheid sudafricano.

Ha avuto delle conseguenze? Sì, perché nel 1969 ha cercato di partecipare al torneo professionistico in Sudafrica e il Governo gli ha negato il visto, e allora ha lottato per far sì che il Paese venisse escluso dalla Coppa Davis fin quando non avesse cambiato le sue pratiche discriminatorie (e così è stato).

Dopo un intervento al cuore ha annunciato il suo ritiro dal tennis professionistico nel 1980. Tre anni dopo ha dovuto sottoporsi a un’altra operazione. Ha comunque portato avanti la sua lotta contro il razzismo (sia dell’apartheid che per quanto riguardava la situazione degli immigrati haitiani negli Stati Uniti), e pur essendo stato arrestato un paio di volte non si è mai identificato con i radicali.

ARTHUR ASHE
Shutterstock | catwalker

Nel 1992 ha annunciato insieme alla moglie e alla figlia di 5 anni di aver contratto il virus dell’Hiv/Aids (lo aveva saputo nel 1988, quando era stato operato al cervello per una lieve paralisi che è risultata una conseguenze di quel fatto).

Ha detto di averlo fatto con timore, visto che all’epoca la malattia era considerata qualcosa che interessava solo gli omosessuali e non sapeva come avrebbe reagito la gente e come l’opinione pubblica avrebbe potuto influire sulla sua famiglia. Presumibilmente ha contratto il virus durante una trasfusione di sangue durante l’ultimo intervento nel 1983, quando i campioni non erano ancora sottoposti al test dell’Hiv.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.