Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La proposta del vescovo Camisasca: laici al posto di preti per alcune funzioni in chiesa

WEB3; PEOPLE; PARISH; PARISHIONERS; CHURCH; KS01
Shutterstock
Condividi

Il presule di Reggio Emilia lancia l’idea per quelle comunità dove c’è carenza di sacerdoti. “Ma non si sentano piccoli preti”. Ed elenca i loro possibili compiti

Come salvare le parrocchie e le piccole chiese di montagna, se continuano a calare i preti? L’idea, in un qualche modo rivoluzionaria, parte da un luogo inaspettato: il pulpito della basilica della Ghiara, a Reggio Emilia, nel giorno dell’apertura dell’anno pastorale. E a pronunciarla è il vescovo  Massimo Camisasca.

vescovo reggio emilia
Public Domain

Diacono, lettori, ministri straordinari

«Là dove è possibile – propone Camisasca – ogni piccola comunità radunata attorno a una chiesa che non può essere servita dalla presenza stabile di un presbitero, possa trovare in un uomo o una donna laici, in una persona consacrata o in un diacono permanente, oppure in lettori, accoliti o ministri straordinari della Santa Comunione, un punto di riferimento stabile per la cura di quella comunità».

Non “piccoli preti”

Il vescovo stesso precisa subito dopo: «Non voglio in nessun modo favorire la nascita di conflitti di potere, ma, all’opposto, trovare le vie per una più grande comunione. Questi laici o diaconi non devono in alcun modo diventare o concepirsi come dei ‘piccoli preti’».

Leggi anche: Cosa posso fare per la mia parrocchia?

Gli organismi diocesani

Che compiti potranno svolgere? Anche qui Camisasca ha le idee chiare: «La cura della chiesa parrocchiale e dei locali ad essa collegati, la guida di momenti di preghiera infrasettimanali, la raccolta di domande, proposte, osservazioni da portare ai presbiteri, il coordinamento della catechesi o di attività dell’oratorio, là dove fossero presenti…».

Il tutto coordinato dagli organismi diocesani. E saranno sempre questi ultimi a «precisare le modalità di designazione. Saranno necessari certamente dei corsi di “formazione essenziale”, presso la nostra scuola diocesana di teologia, per ricevere dal vescovo l’incarico che avrà una durata a termine, rinnovabile» (Il Resto del Carlino, 9 settembre).

Nessuno potrà candidarsi, si potrà solo dare la propria disponibilità. Il vescovo, a fronte della crisi vocazionale, ha ribadito il valore del celibato del clero, «strada verso un’esistenza interamente donata» (Gazzetta di Reggio 9 settembre).

Leggi anche: L’aiuto dei laici e chiese aperte tutto il giorno. La bella proposta di un vescovo

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni