Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’evocazione delle anime dello spiritismo non è credibile: ecco perchè

Condividi

“Credere alle sedute spiritiche significa fare un torto a Dio supponendo che le anime si sottraggano al destino segnato loro da Dio, per andare in giro per il mondo a rispondere alle chiamate di tutti coloro che si dilettano di sedute spiritiche”

Indubbiamente questo è vero però attenzione certe apparizioni di carattere veritiero non vanno confuse con quelle delle sedute medianiche. E’ vero che Dio rarissime volte permette le apparizioni di anime dell’Aldilà ma sempre per finalità sante e non per intrattenere le persone con l’intervento dei medium per meglio garantire lo spettacolo dell’apparizione.

MORDERCA Z NOŻEM
Shutterstock

Libera scelta di tempo e di luogo

Dio permette l’apparizione di un’anima purgante per chiedere ai suoi parenti ed amici la carità di preghiere, sante messe ed opere buone per abbreviare la sua espiazione in Purgatorio. Dio permette anche l’apparizione di anime dannate per scuotere apatia e l’indifferenza morale dei peccatori e spingerli al pentimento e alla conversione della loro vita disordinata. Invece le apparizioni spiritiche fatte poche eccezioni, si ottengono a libera scelta di tempo e di luogo da chi decide di fare simile esperienza. Non si può credere che Dio nella sua infinita sapienza, lasci libere le anime dei nostri trapassati a comportarsi in modo ridicolo per far alzare tavoli, suonare e fischiare, palpare gli astanti ed operare tante pazzie spesse volte indecorose.

Spiriti “illustri”

La fede ci dice che dopo la morte l’uomo è giudicato è quindi premiato o punito secondo le sue opere. Credere alle sedute spiritiche significa fare un torto a Dio supponendo che queste anime si sottraggano al destino segnato loro da Dio, per andare in giro per il mondo a rispondere alle chiamate di tutti coloro che si dilettano di sedute spiritiche.

Gli spiritisti si vantano di avere evocato anche gli Angeli e i Santi come S.Michele, S.Agostino, S.Tommaso, oppure di aver evocato uomini illustri come Dante, Galileo, Michelangelo, Manzoni ed altri. Ma come concepire che gli Angeli ed i Santi confermati in grazia, siano costretti ad obbedire all’invito di alcune persone curiose raccolte intorno ad un tavolo? Per la fede cattolica è fuori di dubbio che la separazione dal mondo dei nostri trapassati avviene definitivamente al momento della morte e che sotto l’ordine Supremo di Dio, i morti hanno preso la strada del loro destino e che mai sarà più loro dato di tornare indietro perché stiano a nostra disposizione per esaudire le nostre curiosità. E’ allora chi sono le anime che appaiono nelle sedute?

Il demonio

Esclusi gli Angeli e i Santi, escluse le anime disincarnate non resta altra ipotesi che quella del demonio. Il demonio è un Angelo decaduto e  la conoscenza che egli detiene è estremamente più ricca , più vaste e più estese di quella della mente umana più brillante. A tale conoscenza si unisce poi tutta la sua malvagità, tutto il suo odio contro Dio e allora si comprende facilmente anche l’odio che nutre verso il genere umano e tutto il danno che cerca di recargli attraverso le sedute spiritiche. I demoni spesso simulano di essere le anime dei trapassati per confermare nell’errore quelli che li evocano.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni