Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

San Filippo Neri e la guarigione miracolosa del figlio del barone di Porciglione

San Filippo Neri – per rimanere gioiosi


Questo amato apostolo di Roma è stato sacerdote, missionario e fondatore della Congregazione dell'Oratorio. Era solito chiedere: “Quando inizieremo a diventare migliori?”
Condividi

"Papà, sto bene, il nonno mi ha guarito”

Allo stesso modo in cui sembra che i beati si sentano attratti dai loro amici e da anime particolarmente devote e sante, pare che lo siano anche dai bambini. Nero del Nero, barone di Porcigliano, molto devoto di San Filippo Neri, volle fargli, dopo la sua morte una tomba preziosa.

Alla riesumazione del cadavere di san Filippo, il corpo, sebbene non fosse imbalsamato, fu trovato intatto e senza il minimo odore di decomposizione. Nel suo entusiasmo, il barone decise di far costruire al Santo una Cappella preziosissima, e precisamente quella in cui ancor oggi è sepolto, a Roma.

PD
San Filippo Neri - LA GIOIA PUNTA IN ALTO "E' la tristezza che ci fa chinare il capo e non ci permette dl guardare al cielo. Bisogna pertanto combattere la tristezza e non la gioia".

“O mio Padre…”

La costruzione era quasi alla fine, quando il figlioletto del barone, a cui era stato imposto il nome di Filippo, si ammalò di vaiolo in modo così grave che i medici lo dichiarano spacciato: si aspettava la sua morte da un momento all’altro. Fuori di sé per l’affanno ed il dolore, il padre andò in un’altra stanza ed esclamò piangendo: “O mio Padre, è proprio vero che nella cappella che ho fatto costruire in tuo onore debba seppellire per primo l’unico figlio maschio che ho avuto per tua intercessione?”.

La guarigione miracolosa

Il lamento era appena uscito dalle sue labbra, che il bimbo si destò come da un sonno profondo e chiamò più volte: “Papà!”. Il padre fu richiamato in gran fretta dalla figlia maggiore, ch’era rimasta nella camera del malato, e con sua indicibile gioia sentì che il bimbo, che prima balbettava qualcosa soltanto a fatica, diceva gioiosamente, in modo così chiaro che tutti poterono udirlo: “Papà, sto bene, il nonno mi ha guarito”.

La nonna e San Filippo

Intendeva dire S. Filippo, che gli avevano insegnato a chiamare così, dato che era stato battezzato col suo nome, ed il cui ritratto gli veniva mostrato spesso, mentre gli veniva detto che era il nonno. Però per essere sicuri il padre e gli altri chiesero al bimbo se non era invece stata la nonna. “No, no” esclamò egli a voce ancor più alta “no, era il nonno”. Infine gli fu mostrato il ritratto del Santo, alla cui vista egli disse: “Si, è lui che  mi ha guarito”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.