Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le tazze di casa mi ricordano che vale sempre la pena aiutarsi!

mother drinking tea with her daughter
By Shift Drive/Shutterstock
Condividi

Discussioni, chiacchierate, rassicurazioni, decisioni e risoluzione di piccoli drammi: una tazza di tè con qualche biscotto, corrobora il corpo e lo spirito.

Le tazze della colazione sono un oggetto indispensabile. Hanno ogni sorta di uso: caffè, caffelatte, latte, tè, tisana, limonata calda, brodo…
Nella nostra famiglia le tazze sono fondamentali poiché aiutano a essere ospitali. Cosa significa, letteralmente, essere ospitali? Significa sapere che dall’altro puoi sempre imparare e che vale sempre la pena aiutarsi. Significa relazionarsi costantemente con le persone che ci circondano, facendo spazio nel nostro piccolo orticello. Significa, non per ultimo, prendersi cura della propria famiglia (pensiamo al latte caldo per chi ha la tosse) e tentare di custodirla.
Discussioni, chiacchierate, rassicurazioni, decisioni e risoluzione di piccoli drammi: una tazza di tè con qualche biscotto, corrobora il corpo e lo spirito.
Ecco perché abbiamo tante tazze, nella nostra famiglia: perché vorremmo essere inclusivi e non esclusivi.
Dopotutto non bisogna preparare prelibatezze, se vogliamo ospitare un amico. E ce lo ricorda il Vangelo (Luca 10, 41-42) che mette in risalto il fatto che Marta si perda dietro alle pietanze, mentre Maria ascolta il Maestro. E, inoltre, un amico insistente può solo essere aiutato (Luca 11, 5-8).
Lo dicono anche i bambini: “Aggiungi un posto a tavola…”.

 

tazze
Rachele Sagramoso

PS. Le mie tazze sono quelle del ripiano sopra. Sono assolutamente vietate ai bambini.
E no, i bambini non hanno accesso a tutto.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG SEI DI TUTTO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni