Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

Il proverbio sioux che vi renderà più comprensivi

PSYCHOTHERAPIST

By Jacob Lund | Shutterstock

Dolors Massot - pubblicato il 30/08/19

Una lezione per migliorare i nostri rapporti e mostrare più empatia nei confronti degli altri

È capitato a tutti noi di aver giudicato in modo precipitoso una persona che avevamo di fronte. Interpretiamo i segnali ed emettiamo rapidamente un giudizio di valore che non è sempre quello corretto.

Avete mai pensato che il vostro giudizio affrettato può farvi commettere degli errori? A volte sono cose senza importanza, ma in altre occasioni possono provocare un dolore a chi ci circonda e anche a noi stessi.

ANGRY MOTHER
Didesign021 I Shutterstock

Perché ciò non accada, contiamo sulla virtù della prudenza, che ci aiuta ad agire in modo giusto, adeguato e con moderazione.

Per essere prudenti

Ci si deve informare bene su quello che ci è stato detto o che è accaduto, e riflettere prima di emettere un giudizio e agire.

Se è necessario, chiederemo ad altri di darci la loro opinione su quel tema (cercando persone con autorità per esperienza o conoscenze).

Mettersi nei panni dell’altro

La comprensione è fondamentale. Mettersi nei panni dell’altro è un ottimo modo per farsi carico di quello che accade e del motivo per cui si è agito in un certo modo.

Ad esempio, quando un collega di lavoro in una riunione si mette sulla difensiva e non è ricettivo nei confronti delle proposte degli altri, prima di giudicarlo bisogna cercare di parlare con lui e capire perché si comporta in quel modo.

Anziché giudicare precipitosamente si deve cercare di essere comprensivi, perché in questo modo si capirà meglio il comportamento altrui, che non dev’essere sempre quello che desideravamo.

Prima di giudicare qualcuno…

Per essere comprensivi, ci aiuterà una frase saggia dei sioux che riflette molto bene questa idea:

“Prima di giudicare qualcuno, cammina per 3 lune nei suoi mocassini”.

Tre lune (tre notti, o tre mesi nel calendario lunare) significa dedicare del tempo, e camminare con i mocassini altrui significa mettersi nei suoi panni, sentire ciò che prova e ragionare in base alla sua prospettiva.

Mettetevi al posto dell’altro, fatevi un’idea reale di quello che accade a un’altra persona e vedrete che giudicarla non sarà applicare la giustizia “a secco”, ma bagnarla d’amore.

Tags:
comprensione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni