Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconCultura
line break icon

Archeologia: scoperte in Francia sepolture romane di neonati e feti

fouilles

PASCAL GUYOT / AFP

Una sessantina di tombe (tra cui circa 50 pre/peri/neo-natali), sono state scoperte a Nîmes.

Louise Alméras - pubblicato il 30/08/19

Dopo sei anni di scavi, sono state scoperte a Nîmes sepolture di neonati e di feti. Secondo l’équipe di ricercatori, il ritrovamento permette di dare torto a quanto sostengono l’assenza di riti funebri ai bambini nella Roma Antica.

Per sei anni un’équipe di archeologi e di ricercatori si è data da fare attorno ai reperti romani della città di Nîmes. Ne valeva la pena. Non soltanto per le scoperte emerse dagli scavi, ma anche per quanto si evince dei costumi romani. In effetti, alcuni testi pervenutici dicono che i bambini non beneficiavano di riti funebri. Sembra che la realtà presentasse qualche sfumatura.

Quest’antica necropoli è stata attiva tra il I e il II secolo d.C. e si situa ad ovest della città, nota per la sua arena (al punto da essere detta “la Verona di Francia”). Tra le decine di sepolture ritrovate si conta «una cinquantina di tombe di bebè di meno di sei mesi, nonché di feti», precisa Richard Pellé, responsabile degli scavi. E aggiunge che «le ossa di bambini sono state ritrovate in scrigni di pietra o in anfore, dettaglio che indica la cura accordata dai genitori a quei resti mortali».


PREGNANT WOMAN

Leggi anche:
La vita del vostro bambino dal concepimento alla nascita (FOTO)

Il responsabile dell’operazione spiega anche che

si può osservare come, in un’epoca in cui la mortalità infantile era assai elevata, i genitori accordavano una grande cura alle tombe dei propri figli anche se il bambino non aveva alcuno statuto giuridico, alcuna esistenza ufficiale nella società romana prima dell’età di tre anni.

Più curioso ancora è il fatto che la medesima attenzione sia accordata ai feti, il che è indizio del rispetto della vita fin dal momento del concepimento. Il sindaco di Nîmes riflette attualmente sull’avvenire del sito e sulle sistemazioni futuribili.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
abortoarcheologiacimitericimiterofocus aborto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni