Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

17 viaggi per annunciare il Vangelo: i Papi alla “conquista” dell’Africa

POPE FRANCIS,AFRICAN
Antoine Mekary | Aleteia | I.MEDIA
Condividi

Il più "innamorato" Wojtyla. Benedetto ha utilizzato i viaggi per due comunicazioni importantissime. Francesco, nel 2015, è andato alla ricerca della pace tra i popoli

Speranza, Pace, Riconciliazione”. È il motto della visita che Papa Francesco si appresta a compiere dal 4 al 10 settembre in tra Paesi dell’Africa Australe: Mozambico, Madagascar e Mauritius.

Nel caso del Mozambico le tre parole del motto rivestono un significato particolarmente importante. C’è bisogno di speranza specie nelle zone del nord colpite dai cicloni tropicali Idai e Kenneth. Circa 600 persone sono morte a causa di Idai e altre 45 a cause del ciclone di Kenneth. I danni materiali a infrastrutture e coltivazioni ammontano ad almeno 900 milioni di dollari. Il sud, risparmiato dalle piogge, soffre invece le pesanti conseguenze della siccità.

L’accordo storico

C’è bisogno di pace e di riconciliazione per i forti contrasti politici tra i principali partiti politici, che sono sfociati in alcuni confronti militari. Proprio in vista della visita papale il 6 agosto il Presidente Filipe Nyusi, esponente del Fronte di Liberazione del Mozambico (Frelimo), e il leader della Renamo Ossufo Momade hanno firmato uno storico accordo di pace (fides.org, 26 agosto)

Il record di Giovanni Paolo II

POPE
J. DAVID AKE / AFP

Prima di questo viaggio, sono stati 17 i viaggi dei Papi in Africa. Quello più “affezionato” è stato Wojtyla.

Sono stati ben 14 i viaggi apostolici di Giovanni Paolo II nel continente africano: tra il 1980 e il 2000 ha visitato 38 nazioni.

Il primo viaggio durò ben dieci giorni, dal 2 al 12 maggio 1980 toccando Zaire, Repubblica del Congo, Kenya, Ghana, Burkina Faso e Costa d’Avorio (Acistampa, 27 agosto).

L’ultimo nel 2000, 24-26 febbraio, in Egitto, con il pellegrinaggio giubilare al Monte Sinai, la visita al Cairo e al Monastero di Santa Caterina (Egitto).

Le due tappe di Benedetto

BENEDETTO XVI, SORRISO
Shutterstock

Benedetto XVI c’è stato due volte. Nel 2009, 17-23 marzo, in Camerun e Angola. In quel occasione Ratzinger rende pubblico l’Instrumentum laboris del 2° Sinodo africano (Roma, 4-25 ottobre 2009).

Ai leader africani e del mondo rivolge un forte appello alla «solidarietà tra generazioni, tra le nazioni e i continenti che generi una sempre più equa distribuzione delle risorse della terra tra tutti gli uomini… Non private i vostri popoli della speranza! Non amputate il loro futuro mutilando il loro presente! Abbiate un approccio etico con il coraggio delle vostre responsabilità».

Il secondo viaggio nel 2011, 18-20 novembre, in Benin. Allora ha consegnato alla chiesa africana l’esortazione post-sinodale, Africae munus (L’impegno dell’Africa): «La pace degli uomini che si ottiene senza la giustizia è illusoria ed effimera. La giustizia degli uomini che non trova la propria sorgente nella riconciliazione attraverso la verità nella carità rimane incompiuta e non è autentica giustizia».

La “prima” di Francesco

GIUSEPPE CACACE : AFP
Il Papa durante la sua ultima visita in Repubblica Centrafricana

Francesco, invece, ci è approdato, sinora, una sola volta, nel 2015, 25-30 novembre. Tappe in Kenya, Uganda, Repubblica Centrafricana. Nella sua agenda incontro interreligioso ed ecumenico (Nairobi), visita all’Ufficio Onu di Nairobi (con un discorso rivolto alla vicina Conferenza di Parigi sul clima), apertura dell’Anno santo della misericordia a Bangui (pigrizia.it, 2016).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.