Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconFor Her
line break icon

Basta essere umani per dire no all’utero in affitto. Parola di “femminista tardiva”

© Public Domain

L'Osservatore Romano - pubblicato il 27/08/19

Una donna, moglie, madre di 4 figli e cattolica, spiega le ragioni per opporsi all'orrore della maternità surrogata.

Mi chiamo Roberta Trucco e mi definisco una femminista tardiva, anche se rappresento lo stereotipo tipico dell’antifemminista: sono cattolica, sono casalinga, sono sposata e sono madre di 4 figli. Alcuni anni fa ho iniziato a interessarmi di maternità surrogata. Vagando su internet mi imbattei nella petizione #stopsurrogacynowlanciata da Jennifer Lahl in California. Mi bastò la lettura del manifesto e firmai subito. La mia adesione nacque certamente da una motivazione “di pancia”. Noi donne siamo il nostro corpo: Anna Maria van Shurman, filosofa e teologa del 1600, con grande lungimiranza, contrapponeva al “cogito ergo sum” di Cartesio il suo “Sum ergo cogito”.




Leggi anche:
Cosa pensano le vere femministe dell’utero in affitto

Oggi, dopo anni di intensi confronti, insieme a molte altre donne abbiamo elaborato sufficienti argomenti a dimostrazione di quanto questa pratica sia disumanizzante e aberrante. Spezzettare la maternità significa ridurre la gestazione a un processo senza anima e senza storia, come se i nostri corpi fossero solo dei tubi attraverso i quali scorre la vita, una vita che non lascia segno; significa inserire il processo complesso e meraviglioso dei nove mesi di relazione feto/madre in un sistema di mercato, in cui il valore di un ovulo o della sperma è equiparato al processo della gravidanza, e dunque significa accettare che il capitale (mercato) entri di imperio nella logica della maternità.

La maternità non è negoziabile. La madre, sia che si occuperà del bambino/a una volta fuori dalla pancia, sia che non se ne occuperà affatto; sia che lo abbia desiderato o che non lo abbia desiderato, resterà iscritta per sempre dentro l’identità dell’individuo generato, e questa funzione, con tutto il carico anche drammatico di responsabilità, è per me una funzione sacra, intoccabile. L’autodeterminazione delle donne, in questo caso, non c’entra nulla, noi non possiamo disporre di ciò che è indisponibile, le relazioni non si donano e non si vendono. Non bisogna essere madri per comprendere che questa pratica si presta a diventare la schiavitù del terzo millennio e una forma di tratta mascherata dietro una idea fallace di libertà. Siamo tutte e tutti nati da donna e sappiamo nel profondo quanto quel corpo che ci ha generato sia un ricordo indelebile del nostro essere e parte fondante la nostra identità.

Roberta Trucco, Genova




Leggi anche:
Fare la mamma è davvero il mestiere più duro del mondo?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SULL’OSSERVATORE ROMANO

Tags:
femministeutero in affitto

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni