Aleteia
martedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
For Her

La sicurezza in auto dei bambini. Perché è importante

little baby security belt

By Halfpoint/Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù | Tue Aug 27 2019

In Italia, nel 2017, sono stati 43 i bambini tra 0 e 14 anni morti a causa di incidenti stradali. Questo significa che, nel nostro Paese, mediamente muoiono circa 3 bambini al mese.

Fondazione ANIA e Bambino Gesù insieme per la sicurezza in auto dei più piccoli

Questo numero speciale di A scuola di salute è un’ulteriore iniziativa nata dalla collaborazione tra Fondazione ANIA e Fondazione e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù su un tema importante come la sicurezza dei bambini in automobile. Si tratta di un argomento che riguarda tutte le famiglie italiane. I genitori, infatti, compiono spostamenti in auto con i propri figli, per accompagnarli a scuola, in palestra o per andare in vacanza. Per questo, abbiamo preparato uno strumento semplice con una duplice finalità: informare sulle norme e sulle sanzioni ma, soprattutto, fornire alle famiglie modelli concreti di prevenzione per garantire la sicurezza dei bambini in auto.

La Fondazione ANIA e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù lavorano così su un terreno comune: promuovere sicurezza e prevenzione, e assicurare cura e salute dei bambini. L’obiettivo che ci ha spinti a lavorare insieme nasce proprio da queste finalità. Riteniamo, infatti, che la prevenzione sia il modo migliore per garantire la sicurezza in automobile dei più piccoli. E la produzione di informazioni chiare e verificate è il primo passo per rendere la prevenzione una pratica comune per tutti i genitori. Il fine ultimo è avvicinarsi sempre di più alla Vision Zero stabilita nel Piano Nazionale della Sicurezza Stradale 2020: mai più bambini vittime della strada.

Maria Bianca Farina, Presidente Fondazione Ania
Mariella Enoc, Presidente Ospedale e Fondazione Bambino Gesù

La sicurezza in auto. Perché è importante

In Italia, nel 2017, sono stati 43 i bambini tra 0 e 14 anni morti a causa di incidenti stradali. Questo significa che, nel nostro Paese, mediamente muoiono circa 3 bambini al mese. Ancora oggi gli incidentisono la prima causa di morte e di gravi disabilità dei bambini.

La maggior parte di questi incidenti avvengono su percorsi brevi (spesso inferiori a 3 km) all’interno delle città. In tali situazioni, infatti, si tende spesso a sottovalutare il pericolo, proprio a causa della brevità del percorso o della scarsa velocità di percorrenza nei contesti urbani. Può capitare che il bambino pianga non appena viene posizionato sul seggiolino e si scelga, dunque, di tenerlo in braccio, mettendone in pericolo la sicurezza.

Se si verifica un impatto, anche a bassa velocità (circa 50-55 km/h), la forza d’urto che viene impressa al corpo di un bambino che pesa tra i 6 e i 15 kg è molto elevata(dai 150 ai 225 kg). In queste condizioni, anche un adulto non è in grado di trattenere a sufficienza un bambino per proteggerlo.

Il rischio di morte o lesioni gravi è, pertanto, molto elevato.

In caso di incidente, i bambini piccoli corrono un rischio molto elevato di riportare lesioni gravi a causa della scarsa resistenza muscolare e della delicatezza degli organi. L’elevato volume della testa rispetto al resto del corpo, inoltre, espone i bambini a un rischio maggiore di trauma cranico. I bambini, inoltre, non hanno la capacità di reagire velocemente per proteggersi e, di conseguenza, corrono un rischio maggiore di riportare lesioni di grave entità, rispetto agli adulti.

2017 I numeri. Incidenti stradali e bambini (Elaborazione Fondazione ANIA su dati ACI ISTAT)

Secondo l’ultimo rapporto annuale dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), gli incidenti sono ormai la prima causa di morte al mondo tra i 5 e i 29 anni e sono responsabili di gravi disabilità nei bambini.

3378 vittime in Italia, 2709 maschi e 669 femmine.

Bambini 0-14 anni

Fascia d’età particolarmente vulnerabile di vittime della strada:

49 vittime nel 2016

43 vittime nel 2017

Ogni mese, in Italia, muoiono più di 3 bambini sulle strade.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bambiniincidenti stradalisicurezza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
HOLDING HANDS
Comunità Shalom
Il demonio non sopporta che gli sposi si amin...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
LORELLA CUCCARINI,
Silvia Lucchetti
Lorella Cuccarini accusata di omofobia: la su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni