Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconChiesa
line break icon

Perché San Pio X ha permesso che i bambini piccoli ricevessero la Santa Comunione?

FIRST COMMUNION

Marko Vombergar-ALETEIA

Philip Kosloski - pubblicato il 26/08/19

Per molti secoli, l'Eucaristia era riservata esclusivamente agli adulti

Alle origini della Chiesa cattolica, i bambini erano i benvenuti alla mensa eucaristica, e la loro partecipazione alla ricezione della Santa Comunione era permessa. Era una pratica comune dare ai bambini la Prima Comunione insieme ai sacramenti del Battesimo e della Confermazione.

Col tempo, però, la Chiesa cattolica romana ha separato i tre sacramenti dell’iniziazione, amministrandoli in momenti diversi della vita del fedele. La maggior parte delle Chiese orientali, invece, ha mantenuto la tradizione precedente di permettere che i bambini ricevessero l’Eucaristia.

All’inizio del XX secolo, enfatizzando il desiderio che chi riceva la Comunione comprenda – almeno per quanto è umanamente possibile – il grande mistero della trasformazione del pane e del vino nel Corpo e nel Sangue di Cristo, la Chiesa ha riservato la Comunione agli adolescenti e agli adulti. Ai bambini piccoli era proibito di avvicinarsi all’altare.


FIRST HOLY COMMUNION

Leggi anche:
Perché la Prima Comunione si celebra in genere ad aprile o a maggio?

Papa Pio X ha cambiato le regole, decretando che i bambini “nell’età della ragione” (verso i sette anni) potessero ricevere l’Eucaristia.

Il Pontefice ha spiegato perché aveva abbassato il limite di età, basandosi sul fatto che Gesù ha sempre valorizzato molto i bambini:

“Di qual affetto particolare abbia Cristo sulla terra amato i bambini, ne fan chiara testimonianza i sacri Evangeli, dai quali si apprende com’Egli gioisse di trovarsi in mezzo a loro, come usasse imporre su di loro le mani, stringerli al seno e benedirli, mal sopportando che venissero respinti dai suoi discepoli, cui diresse quelle gravi parole: «Lasciate stare i piccolini e non impedite loro che vengano a me; imperocchè di tali è il regno dei cieli»”.

Rafforzando la realtà dell’innocenza e della vicinanza di Dio ai figli, Pio X ha scritto:

“Invero, non apparisce nessuna buona ragione, perché, mentre anticamente si distribuivano i frammenti delle Sacre Specie ai bambini anche lattanti, si debba ora esigere una preparazione straordinaria da fanciulli, che hanno ancor la fortuna di possedere il candore della prima innocenza, e che a cagione delle tante insidie e pericoli dell’età presente, han grandissimo bisogno di quel mistico cibo”.

Il Pontefice aggiungeva che abbassando l’età per la Prima Comunione sperava di far sì che “i fanciulli fin dai teneri anni sieno a Cristo strettamente congiunti, vivan della sua vita e trovino in lui una difesa contro i pericoli della corruttela”.

I bambini hanno un posto speciale nel cuore di Gesù, e ci ispirano ad avere una fiducia pura nel nostro Padre Celeste. In un certo senso, sono già uniti a Dio da piccoli. Non sono stati corrotti dal mondo e non conoscono le tentazioni del peccato. Pio X sperava che permettendo che i bambini piccoli ricevessero la Santa Comunione mantenessero l’innocenza battesimale nella loro vita adulta e rimanessero accanto a Gesù.

L’obiettivo del Papa era quello di dare loro la possibilità di ricevere la Sacra Comunione più spesso possibile, mantenendosi uniti a Gesù, che li avrebbe stretti al cuore.

Tags:
bambinicomunionepapa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni