Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gennaio 1994: con i primi ragazzi accolti vivemmo un’esperienza indescrivibile!

CHIARA AMIRANTE
Condividi

Facemmo un ritiro insieme a persone "speciali". Nel giorno della festa del battesimo di Gesù scese una grazia dall’alto per cui anche i cuori più duri si scioglievano. Ci ritrovammo tutti in lacrime di commozione, di gioia e di pentimento che solo Dio può suscitare.

di Chiara Amirante

Nel gennaio 1994 con i primi ragazzi accolti abbiamo fatto un’esperienza meravigliosa, in cui abbiamo capito che nascevamo come comunità grazie a una forte benedizione dello Spirito Santo.

Per nove giorni, abbiamo fatto un ritiro un po’ particolare, perché i ragazzi del gruppo erano persone piuttosto “speciali”. Per dirvene una, c’era un ragazzo in permesso premio dal carcere, che la notte ululava tipo lupo mannaro. C’era di tutto e di più, eppure è stato un ritiro bellissimo. Avevamo fatto in modo che i nove giorni finissero con la festa del battesimo di Gesù, con l’obiettivo di chiedere in quel giorno il dono dello Spirito Santo con la fede dei piccoli.

Quel giorno abbiamo fatto un’esperienza che mi ha totalmente ribaltato: nel momento stesso in cui abbiamo intonato un semplicissimo canto di invocazione allo Spirito Santo con tutto il cuore, abbiamo sperimentato la grazia della Pentecoste; ho avuto la sensazione fisica che il cielo si aprisse: infatti, scendeva una grazia e una potenza dall’alto per cui anche i cuori più duri si scioglievano. Ci siamo ritrovati tutti in lacrime di commozione, di gioia e di pentimento che solo Dio può suscitare. Siamo rimasti in cappella per la potenza della presenza e della forza di Dio dalle nove di mattina alle dieci di sera, con una mezz’oretta per il pranzo. Alla sera ho dovuto buttare fuori tutti perché ho pensato: «Qui mi entrano in un’overdose di preghiera!». Non volevano uscire, perché l’esperienza della presenza di Dio era stata talmente forte che ci aveva travolti come solo Lui sa fare. Poi c’è stata una pioggia di grazie e ci siamo trovati a parlare in lingue e non capivamo un granché. Abbiamo fatto la prima forte esperienza di essere «un cuor solo e un’anima sola» in Dio, investiti dalla potenza della grazia del Signore.

Questo primo gruppetto di persone che si è trovato stordito da questa esperienza indescrivibile, non immaginava che poi il Signore si sarebbe inventato tutto quello che si è inventato!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CREDERE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.